Un’altra scena straziante in stazione: il padre ha tentato di salvare il figlio. Sono morti entrambi

0
204
Fonti ed evidenze: Resto del Carlino, Today

Un epilogo tragico per padre e figlio in vacanza a Senigallia. I due finiscono per morire sui binari della cittadina investiti da un treno merci. Dalle ricostruzioni sembra che il padre sia intervenuto per salvare il figlio.

Le vittime di questa tragedia sono due turisti originari di Perugia, in villeggiatura nella nota meta turistica di Senigallia. Le ricostruzioni della dinamica dell’incidente sono ancora in corso, ma dalle prime testimonianze sembra che il padre 63enne sia intervenuto per impedire al figlio di 26 anni di buttarsi sui binari.

Foto ANSA/Pasquale Bove

La tragedia si è consumata la sera del 17 agosto 2022, all’altezza del lungomare Mameli 142 a Senigallia, provincia di Ancona, che ha visto la scena di un padre e un figlio che finiscono sotto le ruote di un treno merci che stava in quel momento passando sui binari. Le ricostruzioni sono ancora in corso, ma quel che è certo è che i due uomini di 63 e 26 anni si trovavano sui binari al momento dell’impatto con il treno. Non è tuttavia chiaro se i due fossero intenti ad attraversare i binari oppure, teoria più accreditata, il padre stesse cercando di impedire al ragazzo di suicidarsi. Il giovane sembra soffrisse di depressione.

Tutta l’azione si sarebbe svolta sotto gli occhi della madre del ragazzo e moglie dell’uomo che sono stati investiti, impotente davanti all’evento che si è svolto nel giro di pochi attimi. L’evento ha avuto un grosso impatto su tutti i presenti nei dintorni dei binari, non solo per il shock di vedere due persone investite da un treno, ma anche per i disagi che ne sono conseguiti. A causa dei questo evento la linea ferroviaria tra Marotta e Senigallia ha interrotto il servizio dalle 21:00 alle 1.00 del giorno dopo per ordine dell’Autorità Giudiziaria.

Foto ANSA Firma: Roberto Bettini

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Ferroviaria, che hanno cominciato a ricostruire gli eventi coi rilevamenti sul campo e l’interrogazione dei testimoni della vicenda. La tragedia di Senigallia arriva non molto tempo dopo un’altra tragedia di ambito ferroviario, quella di Riccione, in cui sono morte le due sorelle Alessia e Giulia Pisanu, anche in quel caso non si ha ben chiaro cosa avesse spinto le due giovani a scendere dalla banchina sui binari della ferrovia.