Viso: ecco perché non devi mai spremere i brufoli in questi punti

0
36
Fonti ed evidenze: Fanpage

Rompere e spremere i brufoli sul viso può rivelarsi un gesto fatale: vediamo insieme lo studio inquietante sul “triangolo della morte”.

Le estetiste sconsigliano la rottura dei brufoli ormai da anni: nel momento in cui ci accaniamo su queste piccole infezioni infatti, potremmo estendere l’aria infetta causando la formazione di altri brufoli. Inoltre, può capitare che rimangano dei solchi sulla pelle, dovuti dalle cicatrici dell’acne. Eppure, sembra che ci siano un altro motivo per cui queste fastidiose bollicine andrebbero lasciate stare: un motivo alquanto pericoloso.

Brufoli (Pexels)
Brufoli (Pexels)

Avreste mai potuto immaginare che il semplice gesto di spremere un brufolo possa diventare fatale? Ebbene, secondo il dermatologo Alok Vij – specialista attivo presso Mayo Clinic – stuzzicare un’infezione in particolare sul setto nasale può provocare un danneggiamento del tessuto cerebrale. Approfondiamo insieme l’argomento nel prossimo paragrafo.

Brufoli sul setto nasale? Non vanno assolutamente toccati

Esiste una particolare zona del viso, nota scientificamente come triangolo nasolabiale, la quale risulta particolarmente incline alla formazione dei brufoli. Parliamo fondamentalmente del setto nasale e della parte che congiunge occhi e fronte. Tuttavia, questa zona del viso viene anche definita (in modo alquanto allarmante) triangolo della morte.

Da cosa deriva questo epiteto inquietante? Fondamentalmente, il triangolo nasolabiale risulta collegato direttamente al cervello, di conseguenza – una qualsiasi infezione in questa zona potrebbe attraversare il viso fino a raggiungere la corteccia cerebrale. Le conseguenze potrebbero essere terribilmente gravi e – nei casi più gravi – addirittura fatali.

Brufoli (Pexels)
Brufoli (Pexels)

“Un’infezione nel triangolo del pericolo ha una piccola, ma non impossibile, possibilità di viaggiare dalla tua faccia direttamente al tuo cervello” – sono state le parole del dermatologo Alok Vij. Parliamo di un’eventualità davvero minima, ma ad ogni modo “tecnicamente possibile”. Come se non bastasse, tra le conseguenze più gravi potremmo assistere a casi di trombosi settica del seno cavernoso, così come ictus, ascesso cerebrale, meningite, paralisi dei muscoli oculari e addirittura emboli settici.

Insomma, la pratica estetica della spremitura dei brufoli deve avvenire tramite mani esperte, da parte di personale specializzato. Evitate di svolgere delle pulizie del viso homemade, soprattutto se non godete di un tocco particolarmente delicato. Come abbiamo visto, un’infezione sul setto nasale può rivelarsi più pericolosa di quanto immaginiate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui