Roma, il marito apre ai Carabinieri come nulla fosse. Sul divano la moglie morta da giorni

0
209
Fonti ed evidenze: Fanpage, SkyTg24

I Carabinieri sono entrati in un appartamento di Roma e hanno fatto una tragica scoperta sul divano della casa.

Carabinieri
Franco Origlia/Getty Images

Nessuno può mai sapere cosa accade all’interno delle case degli altri. Frase estremamente vera, nonché perfettamente calzante alla vicenda avvenuta nella mattinata di ieri a Roma. Ci troviamo nella zona di Porta Portese, dove si svolge uno dei mercatini all’aperto più famosi d’Italia. I protagonisti sono un uomo di 65 anni, la sua compagna di 80 anni, e una pattuglia di carabinieri della Compagnia Trastevere.

Verso le 12:30, alcuni carabinieri della Compagnia Trastevere si sono recati presso un condominio in zona Porta Portese per un controllo. Sembrava un controllo di routine. Ma dopo aver bussato alla porta di un appartamento, i carabinieri hanno assistito ad una scena terribile. Ad aprire la porta hanno trovato un uomo di 65 anni. Tutto nella norma. Dopo essere entrati, però, la pattuglia ha fatto l’amara scoperta: il cadavere di una donna di 80 anni in avanzato stato di decomposizione sul divano del salotto. La donna era la compagna dell’uomo che ha aperto la porta. Gli inquirenti non hanno, per ora, scoperto le cause del decesso. Spetterà al medico legale capire i motivi che hanno portato alla morte della donna e agli inquirenti la ragione della mancata comunicazione del decesso da parte del compagno. La salma si trova ora al policlinico Umberto I, luogo in cui sarà effettuata l’autopsia.

Stranamente, non è il primo cadavere rinvenuto in stato avanzato di decomposizione a Roma durante quest’anno. Nel primo caso nel quale è avvenuto questo assurdo evento, si è trattato di una donna di 90 anni. La donna viveva con il figlio di 60 anni, affetto da problemi psichiatrici. È stata sua la chiamata alle autorità per segnalare il cadavere della madre dentro una cassapanca nell’appartamento all’interno del quale i due convivevano. Come per il caso di Porta Portese, sono ancora oscuri i motivi legati al decesso della donna, nonché le ragioni che hanno portato il figlio a non comunicare la morte della madre e ad occultare il corpo. Si pensa che, in questo caso, la vicenda sia legata alla condizione psichica dell’uomo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui