Ambulanze: 500 euro per il trasporto di un malato. Ed è una fortuna se l’assicurazione non è scaduta

0
266
Fonti ed evidenze: La Repubblica

La polizia locale di Napoli ha scoperto un’ambulanza del Policlinico sprovvista della copertura assicurativa necessaria, il conducente è stato multato dopo ben 22 interventi

Ambulanza
Getty images /Emanuele Cermaschi

Napoli, al presidio ospedaliero Policlinico di via Panisi è stata intercettata una ambulanza senza copertura assicurativa nell’ambito delle indagini volte a contrastare il fenomeno dell’abusivismo dei mezzi di soccorso adibiti ad ambulanze. Non è la prima volta che mezzi utilizzati per il trasporto pubblico, d’emergenza e non, risultino fuori norma di legge, e questa volta è accaduto ad una ambulanza che stazionava presso il Policlinico di via Panisi a Napoli. Quando è stato raggiunto dagli agenti dell’Unità operativa Vomero il mezzo aveva già effettuato in quella sola giornata ben 22 interventi. Il conducente è stato quindi multato e il mezzo è stato sottoposto a sequestro amministrativo. Fortunatamente la truffa assicurativa non ha interferito con il lavoro dei paramedici e degli infermieri di primo soccorso, a differenza di quanto accadeva sulla famigerata “ambulanza della morte” a Catania, ma per il conducente ed eventuali complici non sarà comunque una vita facile ora che l’inganno è stato scoperto. Nel napoletano pochi mesi fa era stato scoperto un giro assai più pericoloso intorno ai mezzi di soccorso: ambulanze private dell’associazione Croce San Pio chiedevano ai pazienti somme di denaro che andavano dai 300 ai 500 euro per prestazione. Un giro di introiti che durante l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia è aumentato esponenzialmente e che è stato scoperto grazie alla denuncia di una madre che, per velocizzare i tempi di trasporto, si era rivolta al privato. Alla donna erano stati chiesti ben 500 euro per il trasporto del figlio presso l’ospedale Cardarelli. La Polizia locale del Vomero continua inoltre con le indagini in merito, che si collegano all’inchiesta sulle auto parcheggiate in sosta vietata, le “soste selvagge”, in varie zone del napoletano. Ultimamente in via San Giacomo dei Capri sono stati rimossi ben 19 veicoli parcheggiati in modo da ostruire il passaggio pedonale e veicolare e immediatamente sono stati emessi  contestati e notificati 10 verbali ai trasgressori; oltre a questi altri 43 verbali elevati per varie violazioni del Codice della strada.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui