Lecce, muore dopo un mese di coma: aveva solo 14 anni

0
345
Fonti ed evidenze: Ministero della Salute, Repubblica, Messaggero

Tragedia a Lecce: una ragazzina di 14 anni è morta dopo un mese di coma. Si era sentita male poco dopo essere stata vaccinata.

Getty Immages/Joseph Prezioso

Il Ministero della Salute informa che nelle ultime ventiquattro ore i casi totali di Covid sono saliti di 5117 unità. Da ieri 67 morti e 7193 guariti. I casi attualmente positivi continuano a calare 116.342, -2145 rispetto a ieri.I ricoverati scendono a 4018, -110 unità e in terapia intensiva 531 assistiti, -9 da ieri.

Lecce: fa il vaccino, dopo due giorni entra in coma

In Italia procede a ritmo sostenuto la campagna di vaccinazione e da qualche settimana si è iniziato a inoculare il vaccino anti Covid anche ai bambini di età compresa tra i 12 e i 16 anni. Per incentivarli, anzi, sono state messe in campo diverse iniziative: la più curiosa quella del governatore del Piemonte, Alberto Cirio, che nel weekend di Ferragosto decise di offrire un gelato ad ogni bambino o ragazzino che avesse preso parte all’open day vaccinale presso il rinomato parco del valentino a Torino. Nonostante – ribadiscono gli esperti e l’Organizzazione Mondiale della Sanità – i vaccini anti Covid siano assolutamente sicuri e i benefici superino di gran lunga i possibili rischi, le cose non sempre vanno come dovrebbero. Qualche giorno fa, ad esempio, la piccola Giulia Lucenti è deceduta sedici ore dopo essere stata vaccinata. 

Analoga tragedia è avvenuta a Ruffano – in provincia di Lecce – dove una 14enne di origini marocchine è morta dopo quasi un mese di coma nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico di Bari. I genitori, residenti da anni in Italia, hanno presentato un esposto in Procura a Lecce, chiedendo al pm di disporre l’autopsia. La ragazzina era entrata in coma due giorni dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino anti Covid della BioNTech/Pfizer. I genitori hanno spiegato che poco dopo la seconda dose, la figlia aveva iniziato ad accusare  forti dolori all’occhio e un gonfiore alla palpebra destra. Quindi la ragazza era stata portata alla  guardia medica e, dopo una visita, era stato raccomandato il ricovero in ospedale. Il primo ricovero, all’ospedale di Tricase, risale al 19 agosto. Qui, dopo una Tac, alla 14enne era stato riscontrato un tumore alla parte occipitale, per cui era stato chiesto un approfondimento, ma la ragazza era subito entrata in coma irreversibile. Nelle ore successive era stata  trasferita d’urgenza al reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico di Bari, dove i medici le avevano diagnosticato una forma di meningite, causata da un’infezione batterica. Pertanto ci sono ben tre possibili cause intorno alla morte di questa giovanissima ragazza con tutta una vita davanti. Ora solo l’autopsia potrà fare chiarezza e stabilire una eventuale correlazione tra la somministrazione del farmaco contro il Covid e il decesso dell’adolescente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui