Luana, morta in azienda: “I genitori sono stati gli ultimi a sapere, li hanno avvisati i Carabinieri”

0
997
Fonti ed evidenze: Corriere della Sera, Fatto Quotidiano

Un amico della famiglia di Luana D’Orazio, la 22enne morta sul lavoro a Prato è incredulo per l’accaduto. L’uomo da voce alla disperazione della famiglia.

Luana D'Orazio 4 maggio 2021 leggilo.org

La tragedia di Luana D’Orazio, la giovane di 22 anni morta a Prato dopo un incidente sul lavoro, ha colpito duramente non solo la famiglia della ragazza ma la comunità del posto in generale – in primis i suoi colleghi – che non si capacita della tragedia. La giovane secondo le testimonianze di colleghi e supervisori sarebbe rimasta intrappolata nell’orditoio dell’azienda tessile dove era impiegata da circa un anno: un rullo l’avrebbe trascinata nel macchinario dove ha perso la vita. Ma c’è chi è convinto che potrebbe essere stato un momento di malessere della ragazza a causare la tragedia: “Dicono che forse ha avuto un malore anche perchè morire sull’orditoio mi sembra impossibile. O non hanno funzionato le sicurezze oppure non lo so”, riflette il signor Marchetti, collega della ragazza e amico della sua famiglia.

L’orditoio è un macchinario che separa i fili durante la tessitura. Il signor Marchetti sostiene che la macchina che ha causato la morte di Luana D’Orazio è solitamente sicura e che un incidente simile non era mai accaduto prima nella fabbrica, ora chiusa per le indagini: “Il padre è disperato. E’ assurdo morire così con le misure di sicurezza che ci sono”, prosegue Marchetti. Luana D’Orazio lavorava ormai da un anno in quell’azienda e secondo l’uomo le piaceva il suo lavoro che svolgeva con diligenza e regolarità: “Era una ragazza semplice, per bene che faceva il suo lavoro volentieri perchè le piaceva lavorare. Ieri sono stato tutto il pomeriggio con il padre, è rimasto a casa, cosa deve dire. I genitori sono stati gli ultimi a saperlo”. Le indagini sull’accaduto proseguono per capire le cause di un incidente sul lavoro che secondo il collega della ragazza poteva e doveva essere evitato, soprattutto perchè esistevano delle misure di sicurezza appositamente in atto per scongiurarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui