Roma, tutto il palazzo sentiva il cattivo odore, solo i fratelli non hanno sospettato nulla

0
699
Fonti ed evidenze: Messaggero, Today

Una macabra rivelazione quella portata alla luce in una palazzina di Roma da parte degli uomini del 112 che hanno trovato il corpo di un uomo morto da giorni.

Roma corpo 15 aprile 2021 leggilo.org
Getty Images/Andreas Rentz

Dopo quanto è accaduto nemmeno 24 ore fa, Roma è teatro di un nuovo macabro e misterioso caso che ha visto il ritrovamento del corpo di un uomo di 82 anni in una palazzina del quartiere Nomentano. Tutto è iniziato quando gli inquilini di una palazzina di quattro piani in Via Pandolfo I hanno chiamato il 112 per segnalare un odore preoccupante che proveniva da uno degli appartamenti della struttura. Gli agenti si sono recati sul posto per indagare e ciò che hanno scoperto li ha lasciati totalmente senza parole: gli uomini della questura di Roma hanno infatti trovato il corpo di R.L.P., 82 anni, noto come “Il poeta” nella zona a causa della sua grande passione per la letteratura ed i libri disteso nella sua stanza, con la porta chiusa. Ma l’aspetto più incredibile della faccenda è che il fratello e la sorella dell’uomo, due anziani ex impiegati delle Ferrovie dello Stato, vivevano nella casa da giorni e a loro detta non si sarebbero nemmeno accorti del decesso dell’uomo. Infatti, quando gli agenti hanno chiesto delucidazioni in merito all’accaduto, la sorella della vittima ha risposto: “Si è chiuso in camera poi non lo so, non l’ho più sentito”A detta dei due parenti stretti della vittima, l’uomo era solito chiudersi in stanza senza un vero motivo per lungo tempo e per questo, non hanno trovato strano il fatto che l’82enne non si facesse vedere da giorni: “Si arrabbiava molto se veniva disturbato”, hanno spiegato i due. Ma secondo gli agenti, si tratta di una triste storia di degrado ed abbandono.

L’appartamento infatti è stato trovato in condizioni igieniche terrificanti, il che potrebbe spiegare anche come sia possibile che i due non si siano accorti dell’odore del corpo in decomposizione per giorni. Inoltre – secondo gli altri residenti della palazzina – tutti e tre gli abitanti della casa in questione sarebbero afflitti da disturbi psichici di vario genere non meglio specificati. Sul decesso dell’uomo ci sono invece diverse ipotesi: forse, sarebbe stato ucciso dal Coronavirus o da un malore – come è già successo in altri casi – in modo improvviso. Gli investigatori hanno anche avanzato l’ipotesi che dietro la faccenda ci sia qualcosa di più losco: forse, il fratello e la sorella della vittima hanno deciso di nascondere il corpo per continuare a percepire la pensione dell’uomo o magari, in seguito al decesso del fratello, si sarebbero spaventati per le conseguenze di quanto accaduto ed avrebbero deciso di nascondere la salma finchè gli altri inquilini del palazzo non si sono accorti di cosa era successo. Le indagini dovranno ora fare luce su questi aspetti della tragedia. Questa triste storia non è purtroppo un caso isolato: già alcuni mesi fa, il corpo di un uomo noto in paese per essere un accumulatore seriale era stato ritrovato nella sua casa nel veneziano nascosto da cumuli di vestiti ed oggetti assortiti accatastati in casa: nessuno si era accorto per giorni di quanto fosse accaduto all’uomo, vittima di un malore fulminante. Storie di abbandono che sfortunatamente portano a tristi epiloghi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui