Rocco Casalino, per lui è davvero finita. Draghi ha scelto chi lo sostituirà a Palazzo Chigi

0
1391
Fonti ed evidenze: Affari Italiani, Stampa

Per Rocco Casalino nessuna chance di conferma nel ruolo di portavoce del futuro Premier Mario Draghi, che avrebbe già scelto il profilo su cui puntare per sostituirlo.

Rocco Casalino, per lui è davvero finita. Draghi ha scelto chi lo sostituirà
Rocco Casalino/Alberto Pizzoli, AFP, Getty Images

Che l’avventura di Rocco Casalino come portavoce di Palazzo Chigi fosse giunta al capolinea appariva chiaro da diversi giorni: con la fine dell’esperienza di Governo di Giuseppe Conte – la cui successione è stata affidata dal Presidente della Repubblica a Mario Draghi, che potrebbe presentare la squadra di Governo già tra domani e dopodomani – immaginare una permanenza del responsabile della comunicazione del Movimento 5 Stelle in una posizione di grande rilievo come quella occupata negli ultimi due anni e mezzo era operazione non semplice. Troppo diversi, Mario Draghi e l’Esecutivo che formerà, dalle due precedenti esperienze guidate da Conte. Troppo ingombrante, Casalino – considerato dai ben informati come il vero regista delle operazioni di Governo dell’avvocato – per poter essere preso in considerazione dal prossimo Premier. Troppe le polemiche in cui Casalino è rimasto coinvolto nella pur breve esperienza come portavoce per poter pensare che Mario Draghi decidesse di puntare ancora su di lui, ritenuto per altro uno degli oscuri decisori di un Movimento 5 Stelle dilaniato internamente dalla disputa tra favorevoli e contrari al Governo dell’ex Presidente della Bce.

Ma a confermare ulteriormente come, su questo specifico aspetto, Draghi voglia dare un importante e netto segno di discontinuità, arrivano oggi voci che, dalla city milanese, raccontano di una proposta che il Premier incaricato avrebbe fatto al giornalista Ferruccio De Bortoli, ex direttore de Il Corriere della Sera e de Il Sole 24 Ore: sarebbe lui il profilo scelto dall’ex Presidente della Bce per gestire le comunicazioni di Palazzo Chigi.

Un’indiscrezione che per il momento non trova conferme ufficiali, ma come minimo attendibile. Tanto che, sempre stando alle voci, il diretto interessato si sarebbe preso un po’ di tempo per compiere le valutazioni del caso prima di prendere una decisione definitiva, ma sarebbe fortemente orientato ad accettare la proposta del futuro Presidente del Consiglio. L’altro nome circolato negli ultimi giorni per il delicato compito di portavoce di Palazzo Chigi è quello di Stefano Lucchini, ex Enel ed Eni e attualmente in Intesa-Sanpaolo, considerato uno dei massimi esperti di comunicazione nel nostro Paese.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui