Varese, muore un bambino e i genitori non riescono a pagare il funerale

0
354
Fonti ed evidenze: Fanpage, Prealpina

Dopo la morte di un bambino in ospedale, il Comune di Castellanza, in provincia di Varese, ha dovuto sostenere le spese per le esequie al posto della famiglia, costretta in condizioni di grave indigenza.

Castellanza, i genitori non riescono a pagare il funerale del figlio
Vincenzo Pinto, Getty Images/Archivio

Che l’Italia stia affrontando una drammatica crisi economica, che spinge sempre più persone a vivere in condizioni di povertà, è purtroppo una certezza: i dati raccolti da enti di ricerca, oltre che quelli evidenziati dalle associazioni caritatevoli, non lasciano spazio a dubbi. Ma a raccontare questa amara realtà sono anche le singole storie, come quella che arriva da Castellanza, piccolo comune lombardo in provincia di Varese, dove un bambino è morto nell’indigenza totale, tanto che i genitori – già sconvolti dal tremendo lutto – non sono stati in grado di pagare le spese necessarie per organizzare un funerale. Subito è scattato l’intervento del Comune, che ha deciso di garantire al piccolo, morto in ospedale dopo una grave malattia, un ultimo saluto. “Le spese sociali sono in continuo aumento. C’è un bisogno sempre più diffuso che ha fatto aumentare le richieste di contributi“, ha spiegato il vicesindaco Cristina Borroni, evidenziando una realtà che riguarda sempre più Comuni nel nostro Paese.

Il nucleo familiare era già in carico al settore socio-assistenziale del Comune di Castellanza, che ha così preso atto delle condizioni di grave incertezza economica in cui la famiglia era costretta a vivere, decidendo di sostenere le spese necessarie all’organizzazione delle esequie del piccolo e trovando in tempi rapidi un’agenzia di onoranze funebri che potesse gestire tutti i passaggi. Un intervento, quello dell’amministrazione comunale, che è per altro previsto dal regolamento cimiteriale nei casi di indigenza grave.

Un caso, questo, purtroppo meno raro di quanto si possa immaginare: già in più di un’occasione, infatti, la municipalità ha dovuto provvedere dei funerali seguendo il regolamento cimiteriale: recentemente, ad esempio, il Comune aveva dovuto provvedere al pagamento della retta mensile di un anziano, completamente privo di qualsiasi forma di reddito, ospite di una Rsa e, dopo la sua dipartita, era stata sempre l’amministrazione comunale a farsi carico delle spese per il funerale dell’uomo.

Spese che, soprattutto per i comuni più piccoli, possono rappresentare una importante voce a bilancio e che mettono in evidenza, ancora una volta, quanto la situazione economica nel nostro Paese sia in rapido e costante peggioramento. E se al dolore per la morte di una persona si aggiunge una condizione di povertà talmente severa da rendere impossibile l’organizzazione di un ultimo saluto al proprio caro, è inevitabile che la comunità decida di farsene carico.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui