Beatrice Valli parla per la prima volta dei suoi problemi di salute. L’ex tronista ha confidato ai suoi followers di avere sofferto di attacchi di panico e di soffrire di una patologia congenita alla testa.

Beatrice Valli

Beatrice Valli parla per la prima volta degli episodi di attacchi di panico che l’hanno colpita durante la sua vita. La bella influencer ha deciso di raccontare la sua esperienza per essere di supporto ai molti fan che spesso che le chiedono aiuto. In particolare ha deciso di rendere pubblica la sua esperienza per essere di conforto ad un suo follower che si augurava che il 2021 gli portasse un po’ di sollievo dalle crisi di panico. Tirato fuori questo delicato argomento Beatrice ha affermato di capire perfettamente la situazione perché anche lei ne ha sofferto e ha voluto raccontare nei particolari i dettagli della sua esperienza. Il primo attacco di panico è arrivato a soli 12 anni mentre era a scuola e a seguito dello svenimento che gli provocò venne portata ospedale. Dopo alcuni controlli venne mandata a casa senza una vera diagnosi. Il secondo episodio si presentò solo qualche mese più tardi e per questo motivo il ricovero durò due settimane nelle quali furono fatti esami più approfonditi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BEATRICE VALLI (@vallibeatrice)

Gli esami fatti le consentirono di scoprire una ciste di due centimetri nella testa molto pericolosa. Da quel giorno Beatrice ha dovuto tenere sotto controllo i lproblema per assicurarsi che la ciste non cresca e non si sposti: anche solo una botta potrebbe crearle molti danni.  Dopo il secondo episodio i medici le dissero che non c’erano correlazioni tra la patologia alla testa e gli svenimenti e al termine del secondo ricovero la diagnosi fu proprio quella di una crisi di panico. Una volta capito cosa le stava succedendo la futura signora Fantini ha deciso di affrontare il problema e con il tempo ha imparato a capire i sintomi prima dell’arrivo dell’attacco riuscendo a controllare il suo corpo. Un’esperienza che ha influito moltissimo sul suo carattere e sulla sua vita e come ha spiegato, è riuscita a sconfiggere il problema cercando di capire cosa volesse dalla vita e avendo il controllo di sé stessa.

LEGGI ANCHE > ANNA FALCHI SENZA VELI: “LA BEFANA, LA MIA FESTA. E LA LAZIO MI HA REGALATO UNA GIOIA”

Alla fine del racconto Beatrice ha concluso che sono più di tre anni che non si presenta un attacco e ha consigliato a chi ne soffre di chiedere aiuto, senza sensi di colpa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui