Coronavirus: l’Asl di Torino pronta a vietare la trasferta della Juve a Milano

0
180

Coronavirus e mondo del calcio: due giocatori della Juventus positivi in due giorni. In caso di possibile focolaio Asl pronta ad intervenire bloccando la partenza 

Coronavirus, Milan Juve

In due giorni due calciatori positivi, tra l’altro all’indomani della gara con l’Udinese a Torino. Prima il difensore brasiliano Alex Sandro, poi l’esterno colombiano Cuadrado. Tutti e due positivi al tampone dopo la comparsa di alcuni sintomi. Adesso in casa Juve si teme un possibile focolaio che potrebbe mettere in serio rischio la gara di domani sera a Milano contro i rossoneri. Si parla di prima sfida scudetto, con il Milan che a sorpresa comanda la classifica in questo strano inizio campionato, con la Juventus in affanno e costretta ad una rincorsa che al momento appare abbastanza complicata. Adesso una preoccupazione in più che arriva dall’emergenza Coronavirus. Le due positività a distanza di nemmeno 48 ore fa temere il peggio, con il rischio di nuovi contagi che potrebbero davvero mettere a rischio la gara.

–> Leggi anche Coronavirus, Mauro Bellugi: “Moratti vuole pagarmi le protesi, il mio idolo è Zanardi”

Coronavirus e criticità nel mondo del calcio. A dare il preallarme è il dottor Roberto Testi dell’Asl di Torino, che al Corriere della Sera ha spiegato che dopo i due tamponi positivi in 24 ore adesso si attende la conferma di quello del giorno prima della partita. Il responso farà decidere il da farsi. Nel caso ci siano altre positività, e quindi un rischio focolaio, è chiaro che l’Asl potrebbe bloccare la partenza della squadra per Milano. La beffa potrebbe arrivare proprio alla vigilia di una gara importante, la prima verifica scudetto in questa stagione. Ma è ovviamente chiaro che di fronte a questa eventualità, la salute dei calciatori deve essere preservata prima di tutto. Il precedente vedrebbe tornare alla mente il famoso Juventus Napoli mai giocato. Con la sconfitta a tavolino dei partenopei – poi ribaltata dal Coni – che avevano ascoltato l’Asl di Napoli che bloccava la trasferta. Adesso in caso di positività di altri calciatori e di intervento dell’Asl di Torino cosa farà Andrea Agnelli?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui