Il Covid è un problema, ma se all’Opposizione ci sono gli sciacalli, diventa una tragedia, dice Saviano

0
22
Fonti ed evidenze: Huffington Post, La7

Roberto Saviano affronta una nuova intervista dopo l’intervento televisivo di pochi giorni fa. E attacca la strumentalizzazione di fenomeni come l’immigrazione.

Roberto Saviano, autore e giornalista, è tornato a farsi sentire tramite un’intervista televisiva proprio alcuni giorni fa in cui ha parlato della situazione Covid e di come il nostro paese la sta gestendo. Intervistato dal giornalista di Huffington Post Alessandro De Angelis  è entrato più nello specifico, trattando temi come l’immigrazione e la scena politica attuale del nostro paese: “Al giorno d’oggi, chi prova a cambiare le cose riesce ma si rovina la vita, schiacciato tra chi si lascia andare al servilismo del Governo e chi invece fa lo sciacallo sulle tragedie influenzato dall’Opposizione”

Secondo l’autore, l’emergenza Covid non è stata gestita bene nel paese e – in particolare – la Campania ha sofferto a causa di una gestione da rivedere: “Non si può far finta che questi tempi siano normali ma avere all’Opposizione degli sciacalli aumenta il rischio in maniera esponenziale. Ma il problema degli sciacalli non riguarda solo le opposizioni. Se si pensa al teatrino vergognoso imbastito nelle ultime settimane da De Magistris e De Luca, viene da pensare che se entrambi si ritirassero a vita privata per la Campania sarebbe un buon inizio. È incredibile che quanto più in alto si sale, più potere si amministra, più la dignità viene meno: è proprio un rapporto inversamente proporzionale”. Il riferimento alle forti affermazioni del Governatore campano è palese quando Saviano parla di politica del terrore: “Non ci convincono i cittadini a rispettare delle norme di emergenza con la politica del lanciafiamme. Questo modo di fare rende solo tutto più confuso e spaventa le persone”, spiega Saviano.

Saviano si esprime più in generale riguardo la situazione politica del paese che nel corso dell’intervista analizza punto per punto: “Abbiamo un Partito Democratico molto pavido che fatica a prendere una posizione e una Destra, specie la Lega di Matteo Salvini e Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che hanno peggiorato la situazione dei migranti in Italia, cavalcando un’ondata di populismo”. Quando infatti l’intervistatore chiede a Saviano se a contribuire alla situazione molto grave del paese sono state anche le destre in un rincorrersi di eventi già avvenuti in Italia nel passato, lo scrittore risponde: “di Salvini ho combattuto e combatterò sono i suoi post razzisti e sponsorizzati. Questa è la chiave per capire Salvini: scrive che gli immigrati sono delinquenti e mette soldi sui social perché questo suo pensiero raggiunga più persone, perché le convinca. Il problema non è Salvini in sé, ma sono le reazioni che le sue parole generano. Da quando, chissà se anche per quei famosi 49 milioni di euro – afferma l’autore riprendendo un noto caso in cui l’ex Ministro degli Interni è stato coinvolto –  ha iniziato una campagna elettorale perenne e costosa, fatta di violentissimo razzismo, la vita degli immigrati in Italia è peggiorata”.

Sul tema dell’immigrazione Saviano è convinto che il Covid abbia dato vita ad un emergenza nell’emergenza: “Tra il ‘primo Conte’ ed il suo attuale operato, la situazione è peggiorata a causa del virus, è facile da intuire. Inoltre, per recuperare il lavoro fatto da Minnitti che Matteo Salvini ha smantellato deliberatamente ci vorrà molto tempo, forse anni”. Per lo scrittore, una soluzione potrebbe essere l’assistenza delle Ong: “Se invece di sequestrare le navi alle Organizzazioni non governative lo Stato cercasse di collaborare assieme a loro, morirebbero meno persone nella tomba più grande che io conosca che si chiama Mar Mediterraneo”, spiega Saviano. E sul tema conclude: “Dobbiamo lanciare un grido contro quei politici infami che hanno manipolato la realtà portandoci a ignorare queste tragedie”, le sue parole. Anche in questo caso, il riferimento agli esponenti di spicco dei partiti già citati, è palese.

Il Covid e la criminalità 

Saviano – sul tema dell’emergenza – risponde alla domanda riguardo la criminalità organizzata che sta provando a guadagnare alle spalle dello Stato; a sua detta, le mafie guadagnano dall’emergenza e nessuno prova a fermarle: “Si pensa sempre ad attaccare ‘pesci piccoli’ come i parcheggiatori che gestiscono i posteggi negli ospedali. Ma è evidente che perfino la sanità in certe Regioni è in mano alla criminalità mentre lo Stato non fa niente per scardinare queste dinamiche ben radicate. Servono fondi per chi lavora che prevengano questi fenomeni”, è la risposta di Saviano.

L’autore si dice favorevole ad una tassa patrimoniale, un’ipotesi già tirata in ballo da diverse persone più o meno in vista da quando è iniziata la crisi che possa aiutare le persone più in difficoltà a non chiudere le proprie attività.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui