Coronavirus, è morto Stefano D’Orazio: il batterista dei Pooh aveva 72 anni

0
17

Coronavirus: il batterista storico dei Pooh aveva una malattia pregressa. Mondo della musica in lutto per l’ennesima morte di questa pandemia

Coornavirus

Mondo della musica in lutto per l’ennesima vittima di questa pandemia. E’ morto Stefano D’Orazio, il batterista storico dei Pooh. Una bruttissima notizia che arriva a pochi giorni dalla scomparsa del grande Gigi Proietti. Un bruttissimo anno questo 2020 che ha portato via l’ennesimo grande personaggio della musica e dello spettacolo. Il batterista aveva una malattia pregressa, e da quanto si apprende dalla trasmissione “Tale e quale show” il contagio da Coronavirus sarebbe stato fatale. Sono stati Giorgio Panariello Loretta Goggi e Vincenzo Salemme a darne comunicazione, con la commozione nei loro occhi che è stata anche quella dei telespettatori a casa. Su Twitter anche Bobo Craxi e Red Ronnie hanno confermato la scomparsa dello storico batterista di una delle band più amate dagli italiani e che hanno fatto la storia della musica. Grande carriera ed artista stimato e riservato, non ha voluto mai attirare l’attenzione su di se, anche in questi giorni drammatici ha coperto con la riservatezza anche la sua malattia.

Il commovente annuncio della morte di Stefano D’Orazio è arrivato anche da parte di Roby Facchinetti, che su Facebook ha voluto ricordare l’amico fraterno che ha staccato la spina poche ore fa. Facchinetti ha raccontato come per motivi di privacy non aveva diffuso la notizia della sua malattia nei giorni scorsi. E che la situazione nelle ultime ore sembrava potesse migliorare. Invece delle improvvise complicazioni hanno portato al peggioramento ed alla morte che è stata un duro colpo per lui e per i compagni. Ma in generale per tutto il mondo della musica che tanto ha amato i Pooh negli anni ed anche Stefano. Il più riservato del gruppo, il più riflessivo, che ha lasciato tutti i fan senza parole per una scomparsa che proprio nessuno si aspettava.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui