Home Gossip Sal Da Vinci, rissa sull’aliscafo: “Pestato e minacciato di morte per aver...

Sal Da Vinci, rissa sull’aliscafo: “Pestato e minacciato di morte per aver spostato un vassoio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:32
CONDIVIDI

Sal Da Vinci vittima di un aggressione su un aliscafo che lo stava riportando a Napoli dopo uno spettacolo a Procida

Sal Da Vinci

Il cantante napoletano ha raccontato l’aggressione che ha subito sull’aliscafo che lo stava riportando a Napoli. Dopo uno spettacolo, l’artista era in compagnia della famiglia ma anche di Federica Celio e della showgirl Fatima Trotta di Made in Sud. Lo stesso cantante ha diffuso un comunicato stampa su Instagram. In compagnia delle due donne anche la moglie Paola il figlio Francesco con la fidanzata ed il nipote di due anni. A bordo dell’aliscafo la moglie e la signora Celio stavano posando dei bagagli. E nel farlo avevano spostato un vassoio per evitare di farlo cadere. A quel punto una persona ha cominciato ad inveire contro le due donne per aver spostato il vassoio. Con una violenza verbale inaudita ed inaccettabile. Per quel motivo il cantante è intervenuto tentando di mettere a tacere con educazione la discussione.

“L’aggressore mi ha sferrato un pugno colpendomi tra orecchio e mandibola”

Sal Da Vinci ha raccontato nel comunicato stampa su Instagram la violenza subita sull’aliscafo. Con la reazione dell’uomo che lo ha colpito con un violento pugno tra mandibola ed orecchio. Poi con un secondo pugno ha colpito il figlio ferendolo al labbro. Nella rissa anche Fatima Trotta ha riportato un ematoma alla gamba destra. Non contento, l’uomo ha continuato ad inveire contro il cantante. Arrivando a minacciarlo di morte e di volerlo sparare con un colpo di pistola. Un brutto episodio che i diretti interessati hanno raccontato anche alle forze dell’ordine. Tutte le vittime dell’aggressore si sono recate in ospedale per i danni subiti. Con il cantante che ha avuto anche un problema allo sterno. “Amo Napoli e la mia città” ha dichiarato il cantante. Stigmatizzando il comportamento dell’aggressore. Ma allo stesso tempo “non si deve assolutamente dire che certi episodi accadono solo a Napoli. Purtroppo si tratta di vicende che possono verificarsi ovunque” ha concluso il cantante.