Modica, bambino muore pieno di lividi. E’ successo qualcosa di terribile in casa dicono gli inquirenti

0
2

E’ stata aperta un’inchiesta sulla morte del bimbo di poco più di un anno, arrivato in ospedale con lividi e fratture sul corpo. 

E’ una storia già vista: bambini picchiati, maltrattati e infine uccisi dai compagni delle madri. Era già accaduto a Cardito, paesino in provincia di Napoli, dove il piccolo Giuseppe è deceduto dopo essere stato massacrato di botte da Tony Essobti Badre, compagno della madre. Vittima della furia dell’uomo, di origine tunisina, anche la sorellina di Giuseppe, che il giorno del massacro è stata vittima anche lei di percosse, riuscendo però a sopravvivere. I suoi racconti, agli inquirenti, sono storie dell’orrore. Storie di case in cui, invece di essere protetti, i bambini finiscono per essere vittime di furie omicide.

Questo è quanto si è ripetuto a Rosolini, comune in provincia di Siracusa, dove un bimbo di 21 mesi è deceduto, probabilmente in seguito a percosse. Come informa l’Ansa, per il decesso è stato fermato il compagno della mamma, su cui ora sono concentrate le attenzioni degli inquirenti.

Ricostruendo la vicenda, sembra che il piccolo sia arrivato nel pomeriggio all’ospedale di Modica con dei lividi sul corpo. Le sue condizioni sono apparse subito disperate, tant’è che dopo poco tempo i sanitari non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Una brutta storia, iniziata ieri mattina a Rosolini. A trovare il bambino agonizzante sarebbe stata la mamma, Letizia Spatola. E’ stata invece una vicina di casa a chiamare i soccorsi, dopo aver sentito le urla della signora, informa Repubblica. Il piccolo di nome Evan è stato portato all’ospedale di Modica, dove è arrivato intorno alle 12 e 30. Ma ad insospettire gli agenti sono stati i lividi sul corpicino, che fanno ipotizzare una morte sopraggiunta non per cause naturale. Immediatamente gli inquirenti di Modica hanno ascoltato la mamma e i nonni del piccolo. Ma tutti gli elementi raccolti fanno pensare che il bimbo sia morto a seguito delle percosse tant’è che il piccolo “era pieno di lividi”, racconta una parente.  Dopo i primi accertamenti è stata fermata per omicidio volontario e maltrattamenti in famiglia anche la mamma. Per gli investigatori del commissariato di Modica, guidati dal vicequestore Corrado Empoli, Letizia Spatola, 23 anni, sarebbe coinvolta nella morte del piccolo. In serata gli agenti avevano fermato il compagno Salvatore Blanco, di 30 anni.

Fonte: Ansa, Repubblica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui