Home Cronaca In tre travolti da un furgone al ritorno da una festa: non...

In tre travolti da un furgone al ritorno da una festa: non avevano 20 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:02
CONDIVIDI

Tre ragazzi a bordo di una bici elettrica sono stati travolti e uccisi da un furgone sulla provinciale tra Andria e Barletta. Le tre vittime non avevano neanche 20 anni.

Continua la lunga lista delle giovanissime vittime del 2020. Pochi giorni fa hanno perso la vita Flavio e Gianluca due ragazzini di appena 15 e 16 anni per un mix letale di droghe. Questa volta, invece, le vittime hanno perso la vita in un incidente stradale. All’alba di questa mattina tre ragazzi sono stati travolti e uccisi da un furgone sulla provinciale 170, tra Andria e Barletta. Le tre vittime – spiega La Stampa – viaggiavano su un’unica bicicletta elettrica. Due di loro hanno perso la vita sul colpo, mentre il terzo poco dopo in ospedale. Erano tutti giovanissimi: 17, 18 e 19 anni. L’autista  del camioncino che ha scontrato  l’e-bike si stava recando al lavoro quando all’altezza di un distributore di benzina ha travolto i tre ragazzini Si è fermato per prestare soccorso ma quando è arrivato il 118 non c’era già più nulla da fare per due delle vittime. Il 17enne è stato subito portato all’ospedale Lorenzo Bonomo dove è stato intubato e sottoposto a trasfusioni. Ma le lesioni riportate erano talmente gravi da provocarne prima due arresti cardiaci e infine la morte poco dopo. Anche il conducente del furgone – al momento sotto shock – è stato sottoposto ad alcuni accertamenti in ospedale.

In base alle prime ricostruzioni – riferisce Il Messaggero – sembra che i tre ragazzi stessero tornando da una festa. Con la bici elettrica non avrebbero potuto viaggiare sulla strada extraurbana ma probabilmente stavano riaccompagnando a casa uno dei tre. Il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, ha commentato l’accaduto: “Mi dispiace tantissimo per questi tre ragazzi, davvero troppo giovani per morire. per questo voglio dire ai loro coetanei: state sempre attenti, siate prudenti.A quell’età ci si sente forti, ci si crede invulnerabili ma non è così. Il dolore è grande di fronte a giovani vite spezzate”. Le due persone che viaggiavano sul furgone insieme al conducente sono state ascoltate in caserma e  la procura di Trani ha aperto un’inchiesta per omicidio stradale. 

Fonte: La Stampa, Il Messaggero