Home Persone Erminio, ucciso dal Coronavirus: il datore di lavoro aiuta la sua famiglia,...

Erminio, ucciso dal Coronavirus: il datore di lavoro aiuta la sua famiglia, al posto dello Stato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:23
CONDIVIDI

Erminio Misani, impiegato in un’azienda tessile della Brianza, è morto a causa del Covid-19. Il datore di lavoro ha assunto sua moglie e la notizia ha fatto immediatamente il giro dei social. Di fronte alla mancanza di aiuti da parte dello Stato, alcune aziende sembrano sopperire con gesti di solidarietà. conte azienda - Leggilo

Erminio Misani, 54 anni, è una vittima del Coronavirus. Ricoverato a marzo, dopo aver contratto i primi sintomi, con il loro aggravarsi la situazione è precipitata, tanto da portarlo alla morte. Nato e cresciuto in un paese della Brianza, a Bellusco, aveva lavorato trent’anni in un’azienda tessile della zona, la Lei Tsu, di proprietà della famiglia Terragni. Viveva con sua moglie Michela e i tre figli. Una famiglia e una serenità distrutta, a cui però l’azienda ha voluto tendere una mano. Il direttore della società tessile, Benedetto Terragni, si è confrontato con i suoi colleghi – informa Open – ed ha deciso di assumere Michela al posto del collega scomparso per darle una mano. “Erminio è stato con noi per tanti anni. Assumere sua moglie mi sembra il minimo che possiamo fare per ricordarlo e per aiutare la sua famiglia”, ha dichiarato il direttore alla stampa in seguito al clamore suscitato dal suo gesto.

In un momento in cui la cassa integrazione tarda ad arrivare per tanti lavoratori, così come gli aiuti dello stato per chi ha perso tutto per colpa dell’emergenza che ha travolto il nostro paese, alcune società sembrano fare la parte dello Stato. “C’è un posto per te in azienda, Michela. Puoi iniziare quando te la senti”, ha detto Benedetto alla donna, riporta Fanpage. Michela comincerà a lavorare dal primo giugno. “Sono stati giorni tremendi, mi sembrava che tutto mi fosse crollato addosso, e questo gesto è di un’umanità immensa, che ci aiuta concretamente”, ha raccontato la donna ancora sotto shock ma che può contare sull’appoggio del Paese e dei suoi futuri colleghi. Anche il Sindaco di Bellusco, Mauro Colombo, ha parlato della decisione dell’azienda come una conseguenza naturale di quanto ha fatto negli anni la famiglia Misani. “Hanno dato tanto, davvero. E tanto stanno ricevendo. La Lei Tsu invece ha dimostrato, anche in quest’occasione, di essere un’azienda importante, ma attenta alla comunità in cui opera da quasi un secolo”, ha detto il Primo Cittadino a Sky TG24.

Fonte: Open, Fanpage, SkyTG24

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]

Fanpage, SkyTG 24