Home Persone Verona, morte due sorelle in un incidente. La mamma:”Non le ho abbracciate”

Verona, morte due sorelle in un incidente. La mamma:”Non le ho abbracciate”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:56
CONDIVIDI

Sabato 7 dicembre, in provincia di Verona, hanno perso la vita in un incidente stradale due giovani sorelle, Chiara e Francesca mercurio, e il fidanzato di quest’ultima, Luca Verdolin. Stavano tornando a casa quando l’auto è sbandata. A pochi metri dal luogo dell’incidente è prevista la costruzione di una rotatoria per limitare la velocità di percorrenza ma i lavori non sono ancora cominciati.

verona morte sorelle incidente

Sabato 7 dicembre, a Bonavigo, in provincia di Verona, hanno perso la vita 3 giovani: Chiara Mercurio di 15 anni, la sorella Francesca di 20 anni e il fidanzato di quest’ultima, Luca Verdolin, di 23 anni. I giovani stavano tornando a casa quando la macchina ha sbandato ed è finita contro il muro di recinzione di una ditta. Alla guida c’era Luca. Come ha riferito Veronaoggi sul posto sono prontamente giunti i soccorsi del 118 di Verona, la Polizia stradale, i carabinieri del nucleo radiomobile di Legnago e i vigili del fuoco che hanno fatto di tutto per estrarre i corpo dei ragazzi dalle lamiere. Ma per i tre giovani ormai era troppo tardi e non c’e’ stato nulla da fare. I traumi violenti provocati dallo schianto dell’automobile sono risultati fatali per tutti e tre. Il Corriere della Sera ha raccolto le parole colme di disperazione della mamma delle due sorelle Mercurio: “Non ho nemmeno fatto in tempo ad abbracciarle un’ultima volta. Sabato mattina alle 6.30 eravamo tutte di corsa e non ci siamo neanche abbracciate. Mi porterò per sempre questo rimpianto”. Chiara e Francesca, da quanto testimoniato da chi le conosceva, erano due brave ragazze, tranquille e legate alla famiglia. Erano originarie di Napoli ma vivevano con la mamma a Ronco all’Adige, in provincia di Verona, mentre il padre risiedeva in Emilia. Francesca, la maggiore, si era diplomata come odontotecnico, mentre la piccola Chiara frequentava l’istituto professionale Giuseppe Medici di Legnago. A commentare l’ennesima tragedia che vede come vittime dei giovanissimi, è intervenuto il sindaco di Bonavigo, Ermanno Gobbi: “Su questa strada si corre troppo“. E, infatti, proprio per limitare la velocità di percorrenza, a poche centinaia di metri dal luogo in cui è avvenuto l’incidente, è prevista la costruzione di una rotatoria. Ma anche se il sindaco Gobbi assicura che ormai sia già tutto a posto in termini di appalti, i lavori non hanno ancora avuto inizio.

Fonte: Corriere della Sera, Verona Oggi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]