Home Stampa Mainstream Piazza San Giovanni, Matteo Salvini e il Centrodestra contro il “Governo delle...

Piazza San Giovanni, Matteo Salvini e il Centrodestra contro il “Governo delle tasse”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:27
CONDIVIDI

Matteo Salvini ed il il Centrodestra in Piazza San Giovanni per fare il punto della protesta contro il Governo.

 

All’ombra della basilica romana di San Giovanni, intorno alle 15, è previsto il comizio del leader leaghista Matteo Salvini. Un appuntamento ampiamente annunciato, per contestare l’operato del Governo Conte Bis, che è destinato a portare a Roma oltre 40mila persone secondo le prime stime. I simpatizzanti della Lega arrivano da tutto il paese. “Da Agrigento alla Valle d’Aosta, da Torino a Trieste, da Bologna a Bari, in pullman, in treno, in aereo, in auto” ha fatto sapere il leader del Carroccio. Sono tutti diretti a Roma per manifestare l’ “Orgoglio italiano”, questo è il nome dato all’evento. Sono attesi nella Capitale “gli italiani che non si arrendono al governo delle poltrone, delle tasse e dell’invasione” ha dichiarato lo stesso Salvini annunciando l’iniziativa.

In diretta da Roma, piazza San Giovanni, questa è l’Italia! #OrgoglioItaliano 🇮🇹 State con noi in diretta!

Pubblicato da Matteo Salvini su Sabato 19 ottobre 2019

 

Da giorni il leader leghista posta video e foto sui social network. “Conte e Di Maio che tassano bibite, biscotti, benzina e partite IVA, Renzi che vuole tornare alla legge Fornero, Grillo che vuole togliere il diritto di voto agli anziani“. Secondo l’ex vicepremier al governo ci sono “scemo e più scemo”. Motivo per cui, Salvini torna a chiedere, davanti ad una piazza annunciata piena, le dimissioni ed il rapido ritorno al voto.

Duecento pullman e tre treni speciali, la mobilitazione dei militanti sui social all’insegna degli hastag #primagliitaliani o #dalleparoleaifatti.  Il leader  del Carroccio vuole raggiungere quota 100mila manifestanti.

La mobilitazione rilanciata ieri pomeriggio da Matteo Salvini con un videmessaggio su Twitter registrato durante un sopralluogo nel luogo della manifestazione: “Questa piazza sarà domani un mare di entusiasmo, di calore, di affetto, di energia, di voglia di guardare avanti, di voglia di lavorare, di studiare, di voglia di fare figli”, dice il vicepremier.

Ma non ci saranno soltanto i leghisti a riempire le strade della Capitale. Dietro lo slogan “Roma non si Lega” è stata infatti autorizzata una mobilitazione che ha come punto d’arrivo piazza dell’Esquilino. Lì, nel cuore della “Roma meticcia”, si incontreranno le associazioni, i comitati e lre realtà che contestano tanto Salvini quanto l’attuale governo. “Non siamo convinti nè che il problema sia risolto con l’autocacciata del ‘mostro’ – hanno dichiarato i movimenti – nè scordiamo le responsabilità dei governi precedenti”. L’appuntamento all’Esquilino, in quest’ottica, rappresenta “un percorso di mobilitazione che ci porterà alla piazza del 9 Novembre per chiedere l’abolizione dei pacchetti sicurezza degli ultimi anni” e che prevede anche una giornata intermedia di mobilitazione, prevista per iol 26 ottobre, con tante “azioni nei territori”.

In piazza anche i gazebo del PD. Saranno disseminati in tutti i municipi e serviranno per raccogliere proposte per la città e firme contro la Sindaca Virginia Raggi.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]