Home Politica Luigi Di Maio: “Per i prossimi 10 anni la politica in Italia...

Luigi Di Maio: “Per i prossimi 10 anni la politica in Italia la decidiamo noi del M5s”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:41
CONDIVIDI

Un Luigi Di Maio particolarmente ottimista  è intervenuto a “Io sono futuro”, la due giorni di eventi per festeggiare i 10 anni dalla nascita del Movimento 5 Stelle.

Di Maio Movimento 5 Stelle - Leggilo.Org

10 anni sono passati da quando Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio fondarono il Movimento 5 Stelle. Per festeggiare questa data e la nascita di un gruppo che – volente o nolente – ha cambiato il panorama politico italiano sono stati organizzati due giorni di kermesse alla Mostra d’Oltremare di Napoli.

Sul palco è intervenuto per “Io sono futuro” il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che ha esordito –  riporta Il Fatto Quotidiano – dicendo “Basta essere arrabbiati, ora carichiamoci il Movimento sulle spalle. Non scapperemo dalle promesse, noi siamo la terza via” . E qui Di Maio azzarda –  riporta  AGI – una profezia: il Movimento 5 Stelle sarà l’ago della bilancia per i prossimi 10 anni, dice, decidendo la linea politica e i programmi da portare avanti.

Luigi Di Maio: “Noi decisivi per il governo”

Sono tanti i temi toccati dal Ministro, primo fra tutti ovviamente l’alleanza con il PD, che ha fatto storcere il naso a molti come ad Alessandro Di Battista: in realtà Di Maio parla di “patti civici”, ribadendo per esempio che in Campania non si andrà a braccetto con il governatore De Luca. Tanti – secondo l’ex vicepremier – gli obiettivi da realizzare come il super ticket in Sanità che sarà abolito nel 2020, dice, riforme a “costo zero” sull’acqua pubblica, la riforma dell’Articolo V della Costituzione – riguardante l’autonomia della Regioni – e, soprattutto, la lotta agli evasori fiscali. “Noi non vogliamo distruggere, vogliamo governare per trasformare questo Paese. –   – ha detto Di Maio, scrive Repubblica – Non dico che tutti i problemi sono risolti, ma questi dieci anni hanno cambiato per sempre la politica italiana”. Sul tavolo anche il taglio dei parlamentari: “Quando il popolo spinge una battaglia e la sostiene il Parlamento è tenuto a eseguire, siamo riusciti in un miracolo. Tutti dicevano non ce la farete mai, abbiamo trasformato l’impossibile in possibile”. E non è mancata anche la stilettata all’ex alleato di governo Matteo Salvini: “Aveva fatto delle promesse che non poteva mantenere, quando ha capito che non aveva i soldi per realizzarle, ha detto ‘ho il 17 per cento delle poltrone e le voglio raddoppiare’, ma noi gliele abbiamo tagliate” ha sottolineato.

Infine, Di Maio ha anche affrontato la questione della Turchia. Durante il suo intervento c’è stato un blitz di Fridays for future in cui gli attivisti hanno esposto uno striscione con la scritta “Basta armi al Governo turco”:  “Lavoreremo insieme per far si’ che l’Unione europea blocchi la vendita di armi alla Turchia” –  dice il titolare della Farnesina  “In queste ore abbiamo visto anche la sua morte. Vorrei salutarla con un grande applauso per il lavoro svolto”. E poi ha aggiunto ai manifestanti: “Con me sfondate una porta aperta: basta armi alla Turchia”.

 

Fonte: AGI, Repubblica, Il Fatto Quotidiano

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]