Home Persone “Aiutatemi a trovare il cellulare, c’erano le foto di mio figlio che...

“Aiutatemi a trovare il cellulare, c’erano le foto di mio figlio che non c’è più”

CONDIVIDI

Tiziana Morra, madre di Alessandro Farina – deceduto due anni fa a causa di un diabete di tipo 1 – ha lanciato un appello su Facebook per ritrovare il suo cellulare. All’interno, infatti, c’erano le foto di suo figlio. 

Tiziana Morra madre Alessandro Farina - Leggilo

Uno smartphone può salvare la vita. O, se non proprio salvarla, renderla più dolce. Soprattutto se, in quel cellulare, ci sono ricordi e le foto di qualcuno che non c’è più. Tiziana Morra è la mamma di Alessandro Farina, il ragazzino di Pellezzano, di soli 13 anni, deceduto due anni fa dopo una lunga battaglia a causa di un diabete di tipo 1. La donna ha lanciato su Facebook un appello per ritrovare il suo cellulare, smarrito per caso. “Se qualcuno trova un Samsung A5, colore nero, smarrito il località Croce, mi contatti. Non per un valore economico, ma ci sono le foto di mio figlio che non c’è più. Dietro la cover c’è questa foto”, scrive Tiziana. Poi, l’appello a condividere sperando che i passa parola via social possano avere i suoi frutti.

Gentilmente se qualcuno trova un Samsung A5 , colore nero , smarrito oggi pomeriggio, località Croce , mi contatti……

Pubblicato da Tiziana Morra su Domenica 2 giugno 2019

Il dolore di Tiziana è forte, nonostante il passare del tempo. Era il 27 dicembre del 2017 quando Alessandro ha detto addio alla sua famiglia, morto all’ospedale di Salerno “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”. Il decesso è stato provocato da edema celebrale e polmonare – scrive Salerno Today –  originato da una grave forma di chetoacidosi diabetica. Per la sua morte, 7 medici del nosocomio sono stati indagati con l’accusa di concorso in omicidio colposo e lesioni personali colpose in ambito sanitario. Tra le accuse a loro carico sia la diagnosi tardiva della patologia sia l’approccio sbagliato della cura. Infatti, quattro giorni prima del decesso, Alessandro aveva presentato precisi sintomi: secchezza alla gola, ingrossamento della lingua e dolori in varie parti del corpo. Quindi la prima corsa in ospedale il 23 dicembre 2017. I medici, però, non si sono accorti di essere in presenza di sintomi diabetici e così Alessandro è ritornato a casa. Qualche giorno dopo, il 25 dicembre, Alessandro si è sentito di nuovo male. Il medico del 118 ha somministrato impropriamente una dose massiccia d’insulina, controindicato nel trattamento del diabete, determinando il peggioramento delle condizioni del paziente.

Queste continue negligenze hanno portato infine alla morte del ragazzo, una morte che mamma Tiziana e gli altri suoi due figli non riescono proprio a spiegarsi. “Pensi al passato e crolli. Momenti in cui affoghi nel mare delle tue lacrime”, scrive la donna sul suo profilo Facebook. Un dolore immenso che solo i ricordi, per quanto dolorosi, provano a rendere più dolci. 

"E poi pensi al passato e crolli. Crolli nei ricordi, in quei momenti che non torneranno più xke' niente può riunirvi; e…

Pubblicato da Tiziana Morra su Giovedì 23 maggio 2019

Fonte: Salerno Today, Facebook Tiziana Morra

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org
Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore