Home Cronaca Bambino seppellito in giardino, la madre si giustifica

Bambino seppellito in giardino, la madre si giustifica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:36
CONDIVIDI

Madre indagata per infanticidio ed occultamento di cadavere. Avrebbe seppellito il figlio neonato in un giardino della villa in cui lavorava, in Calabria.

Bambino sotterrato in Calabria - Leggilo

In questi giorni si è tenuto il Congresso Mondiale delle famiglie a cui hanno partecipato diversi esponenti politici, come il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha difeso la legge 194 sull’aborto, e il Ministro della Salute Giulia Grillo che, quando qualcuno ha paragonato l’omosessualità al satanismo ha dichiarato un’affermazione ai limiti del ridicolo ed è ovviamente priva di qualsiasi fondamento scientifico”. I partecipanti al Congresso, tacciati come retrogadi, hanno dichiarato di subire una campagna di odio e deleggittimazione. Dinanzi a certi sconcertanti episodi di cronaca ci si chiede quali contesti abbiano potuto generare crudeltà e cecità senza fine verso la vita nascente e dove si origina l’incapacità di amare, gli altri e sè stessi, al punto da negare la vita ed il diritto di esistere. Certo il Male è nei gesti concreti più che nelle idee e nelle parole che, da sole, lasciano il tempo che trovano e, spesso si riducano a slogan.

Sia come sia. La domanda che però dovrebbe spiazzare di più in questa storia è: perché bisognerebbe compiere un gesto di una violenza inspiegabile come l’uccisione del proprio figlio? Forse l’assenza di famiglia e di affetto, quale essa sia,  ha potuto permettere un vuoto orribile che prodotto un gesto altrettanto orribile.

In Calabria, precisamente a Cirò, in provincia di Crotone, una giovane donna di 22 anni, di origine moldava avrebbe seppellito il proprio figlio, neonato, in un giardino di una villa in cui ha lavorato come badante. La piccola vittima, nata durante lo scorso dicembre a Cirò è stata seppellita viva. La giovane donna ha ammesso di aver nascosto il corpicino indifeso del bimbo in una busta e di averlo sepolto nel giardino della villa, perché a suo parere, era già morto, come riportato da Il Crotonese.

La donna si era da poco trasferita in Salento, in provincia di Lecce, dove aveva trovato lavoro. Le forze dell’Ordine e la squadra Ris faranno sicuramente luce sulla vicenda. Al ritrovamento del piccolo, sono seguiti approfondimenti e verifiche dettagliate. Si attendono risultati dell’autopsia. Gli inquirenti chiariranno la vicenda e scopriranno, quanto meno, se la giovane mamma ha detto o meno la verità sulla morte del neonato.

La giovane moldava è comunque accusata di omicidio colposo e occultamento di cadavere. Le indagini sveleranno la verità.

Fonte: Il Crotonese

 

 

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]