Home News Mondo Strage moschee, la Premier indossa il velo. L’Isis promette vendetta

Strage moschee, la Premier indossa il velo. L’Isis promette vendetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:01
CONDIVIDI

La premier neozelandese Jacinda Ardern si è vestita di nero ed ha indossato il velo in una visita ad un centro per rifugiati, il giorno dopo la strage delle moschee. Intanto, l’Isis ha annunciato la morte di un combattente italiano.

Strage moschee premier indossa velo

Dopo la strage delle moschee in cui hanno perso la vita 50 persone e ne sono rimaste ferite 40, la Premier neozelandese Jacinda Ardern ha visitato un centro per rifugiati, dopo essersi vestita di nero ed aver indossato il velo. Se Brenton Tarrant, dopo una preparazione lunga due anni, ha deciso di colpire e di agire per “lottare contro lo straniero”, a sua volta la Premier ha indossato il velo in segno di supporto anche ideologico per le vittime. “Anche la Nuova Zelanda non è esente dall’insofferenza per lo straniero”, si legge nel manifesto anti-migranti di Brenton, che ha deciso di colpire una parte remota proprio per dimostrare il pericolo diffuso dell’immigrato.

Ardern, volata nell’Isola del Sud dopo l’attentato terroristico, ha visitato anche i membri della comunità musulmana della città, ai quali ha garantito l’appoggio del Governo come riportato da La Stampa. “La nostra solidarietà non è limitata al qui ed ora. La Nuova Zelanda è il posto che tutti noi amiamo per la sua inclusione, la sua diversità. E io considero una missione personale come Primo ministro difendere tutto ciò mentre sono in carica”, ha detto la Premier. La donna ha sostenuto più volte i migranti o rifugiati che sarebbero potute essere tra quelle persone colpite. “Loro hanno scelto la Nuova Zelanda come la loro casa ed è la loro casa. Loro sono noi, le persone che hanno compiuto questo atto di violenza non lo sono. Non c’è spazio per loro in Nuova Zelanda”.

Intanto, l’Isis ha minacciato vendetta, come riportato dall’Ansa, facendo riferimento ad una “guerra dei Crociati avviati contro i musulmani” e promettendo di rispondere con il “linguaggio del sangue, attaccando le Chiese in segno di reciprocità”.

Fonti: Ansa, La Stampa

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]