Home Persone Vittorio, vede la partita della Juventus e muore

Vittorio, vede la partita della Juventus e muore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30
CONDIVIDI

Un’altra storia di morte e sport, questa volta è toccato a Vittorio Salvati, commercialista 42enne, morto all’improvviso durante una partita allo Juventus Stadium di Torino.

Vittorio Salvati muore dopo aver visto la Juve - Leggilo
Vittorio Salvati, a sinistra, con un amico

Il suo cuore ha cessato di battere. E successo anche a un altro tifoso. poche ore fa, di morire  dopo aver visto la propria squadra.Un dramma simile è accaduto a Vittorio Salvati, giovane commercialista di Atripalda, in provincia di Avellino, stroncato da un violento infarto martedì scorso. Salvati si trovava insieme al figlio Gerardo di 11 anni a Torino per vedere quella tanto attesa partita di Champions League tra Juventus ed Atletico Madrid.

Grande appassionato della Juve, l’uomo era volato a Torino per passare una giornata all’insegna dello sport e del divertimento. Si è trasformata in una terribile tragedia consumata davanti agli occhi increduli del figlio. Già durante la partita, il 42enne avrebbe accusato diversi fastidi al braccio, al punto che il figlio, preoccupato, avrebbe provato a convincerlo più volte ad abbandonare lo stadio, come riportato da Il Mattino.

Ma Salvati, fedele alla sua Juventus è rimasto fino alla fine. I due, così, dopo la partita, si sono recati in un pub della città per consumare la cena prima di tornare in albergo.

Entrati nella stanza, l’uomo si è recato in bagno per la doccia e qui ha accusato una feroce fitta al petto che lo ha stroncato in pochi minuti. Disperato, il figlio ha subito lanciato l’allarme, ma i soccorsi non hanno potuto fare altro che accertare la morte del 42enne.

Sul corpo era anche stata disposta l’autopsia che ha confermato l’infarto. Nella serata di ieri il feretro è stato riportato a casa per i funerali che si sono svolti oggi nella chiesa di San Ciro ad Avellino. La comunità è sotto choc per la perdita improvvisa dell’uomo che era benvoluto da tutti, come riportato da Atripalda News.

A dimostrarlo i toccanti messaggi di amici e parenti. In un post del cugino Armando si legge: “Sono cresciuto al tuo fianco, eri come un fratello maggiore. Il dolore è atroce! Prendere una pugnalata avrebbe fatto meno male”. Il migliore amico Gerardo lo ha ricordato così: “Da quando mi sono svegliato il primo pensiero è andato a te, a come potevi aver condiviso l’incontenibile gioia della gara della Juve con tuo figlio. Ti pensavo e sorridevo, non potevo immaginare che invece di abbracciare tuo figlio eri Lassù in braccio al tuo papà. Ciao Vittò, fino alla fine davvero riposa in pace”.

Fonti: Il Mattino, Atripalda News

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]