Home Cronaca Nettuno, papà ubriaco alla guida: la figlia di 9 anni muore, l’altra...

Nettuno, papà ubriaco alla guida: la figlia di 9 anni muore, l’altra è gravissima

CONDIVIDI
«Ho portato le bambine al circo Ercolino, poi con loro volevo andare a riprendere mia moglie al Belvedere, uno stabilimento balneare con ristorante, per tornare a casa. L’ultima cosa che ricordo è quando mi sono fermato nell’area di servizio non lontano da dove abitiamo per comprare le sigarette al distributore automatico. Sono risalito in macchina e non so cosa sia successo. Non so perché sono finito fuori strada». Perchè era ubriaco perso, ecco perchè.
Gabriele Maddonni,  39 anni, padre di due bambine, si è schiantato contro un palo in via dei Frati a Nettuno, provocando la morte della figlia maggiore Nicole di quasi 9 anni e il ferimento dell’altra figlia, di 7 anni. La piccola versa in gravi condizioni. Incidente drammatico a Nettuno, vicino Roma. L’uomo era al volante di una BMW senza assicurazione, sotto l’effetto dell’alcol nonostante la patente revocata 9 anni fa proprio per abuso di alcol e droga. Era stato sorpreso più volte alla guida in stato di ebbrezza.
«Non lo perdoneremo mai, per una cosa così non c’è più perdono. Mia sorella è distrutta, ha perso una figlia. Nicole era dolcissima, la mia nipotina, l’ho vista domenica scorsa, era dolce, brava, non posso pensare che non c’è più»: così lo zio della bimba, Francesco fratello di Antonella Guidi, la mamma di Nicole: «Mia sorella glielo diceva di non prendere la macchina», prosegue lo zio. Gabriele non sentiva nessuno: anche l’anno scorso, raccontano i vicini, aveva avuto un incidente con l’auto, senza gravi conseguenze.
La macchina, diceva lui, gli serviva per lavorare. Dopo una brutta malattia, Gabriele aveva ripreso a fare l’elettricista, lavoretti saltuari, che però gli permettevano di portare a casa un piccolo stipendio e aiutare così la moglie Antonella, 32 anni, che si occupa delle pulizie in uno stabilimento balneare di Nettuno. Era al lavoro sabato sera, è stato il marito a telefonarle: «Ho avuto un incidente, vieni, la bambina è sotto la macchina, ma non preoccuparti».
Dopo l’incidente Maddonni si è allontanato dall’ospedale dove era stato trasportato per evitare i parenti, che si erano radunati al pronto soccorso pronti a linciarlo. L’uomo è stato rintracciato qualche ora dalla polizia ed è risultato positivo all’alcoltest con un valore di 0,80 a distanza di ore dall’incidente. E’ stato denunciato per omicidio stradale ed è piantonato all’ospedale di Anzio. L’incidente è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato. All’arrivo i poliziotti del commissariato di Anzio e la polizia stradale hanno trovato l’auto, una BMW 320, ribaltata. Restanoo da chiarire la dinamica dell’incidente. Non si esclude che la bimba deceduta sia stata sbalzata fuori dalla macchina, che forse ha sbattuto contro un palo, e sia poi rimasta schiacciata dall’auto quando quest’ultima si è ribaltata.
 

Teresa, 29 anni, muore sola: “Troppo stanca per le ore di lavoro”

Giulia, travolta da treno. Lorenzo morto anche lui per salvarla. La piccola era sfuggita alla mamma