Home Persone Perde il lavoro, il padre ed il fratello non lo cercano

Perde il lavoro, il padre ed il fratello non lo cercano

CONDIVIDI

Casa all’asta per 27.000 euro a Valli del Pasubio presso Schio, ed è un affare. Così sembra. Ma all’interno una brutta sorpresa: era il cadavere di Walter Dal Zotto, il proprietario. Un uomo di appena 42 anni. Morto da almeno 9 mesi ed in avanzato stato di decomposizione. La macabra scoperta è arrivata la mattina di mercoledì 11 aprile, quando l’ufficiale giudiziario è entrato con un possibile acquirente nell’abitazione e si è trovato davanti il corpo semi-mummificato di Dal Zotto, 42 anni. I vicini di casa hanno descritto la vittima come un uomo solitario e senza amici, motivo per cui nessuno si sarebbe accorto della sua morte avvenuta tra giugno e luglio 2017. Per le forze dell’ordine si è trattata di una morte per cause naturali. E’ meno probabile  un suicidio. Gli ultimi anni di vita dell’uomo devono essere stati segnati dalla desolazione. Dopo la morte della madre, avvenuta nel settembre di due anni fa, l’uomo si era isolato del tutto.

Dal Zotto aveva comprato la casetta con la famiglia tempo fa e si era trasferito da Schio, ma ad un certo punto aveva perso il lavoro e non era più riuscito a pagare le rate. Con il padre e il fratello – residenti tutt’ora a Schio – c’era un brutto rapporto, nessun contatto. Walter era senza denaro e le bollette non pagate hanno fatto sì che dalla casetta montana di via Molin Maso venisse staccata anche la corrente. Le rate del mutuo della casa sono rimaste in sospeso, cosa che un po’ alla volta ha portato alla vendita all’asta per 27mila euro, con gara fissata per il 24 aprile”