Home Casi “Questo è Aldo, il nostro ragazzo”. E mostrano le foto sconvogenti del...

“Questo è Aldo, il nostro ragazzo”. E mostrano le foto sconvogenti del cadavere

CONDIVIDI

naro
Un giovane di 28 anni, Aldo Naro, ucciso il giorno di San Valentino del 2015, nella discoteca Goa di Palermo  dove stava festeggiando la laurea in Medicina.. Fu trovato in fin di vita nel parcheggio della discoteca  prima dell’alba.

I suoi familiari, a oltre tre anni dalla tragedia nel contestare la conclusione delle indagini – che hanno portato alla condanna a 10 anni di Andrea Balsano, che all’epoca aveva 17 anni e faceva il buttafuori nel locale – hanno postato su Facebook le foto dell’autopsia, con un elenco di traumi documentati dalle immagini. Per i familiari è assurdo che Aldo sia morto per un solo calcio, sferrato dal 17enne conclusioni a cui sono pervenute le indagini: le condizioni del suo cadavere sarebbero incompatibili con la ricostruzione dell’inchiesta. «Davvero – si chiedono in un post su pagina Fb Giustizia perAldo Naro un solo calcio sferrato da un unico soggetto ad una persona che si trova a terra può provocare tutte le lesioni descritte? Se così non fosse, chi ha provocato tutte le altre?».

«E pertanto, chi sono gli altri assassini di Aldo? Perché questo fondamentale aspetto della vicenda non è stato approfondito? – continua il post – Peraltro, mancano, perché non fatte nel corso dell’autopsia, le foto del ventre, dei genitali e della parte frontale e interna delle cosce della vittima. Inspiegabilmente, non è stato effettuato alcun esame radiologico, e nessuna Tac a parte quella del cranio».

La tesi dei familiari di Aldo è che la morte del giovane medico fu causata non da una sola persona – minorenne all’epoca del fatto – ma fu  l’effetto di un vero proprio pestaggio, a cui parteciparono molte persone. Tra questi sicuramente degli adulti. La tesi del pestaggio è ripresa in un altro post della pagina, scritta dopo la morte del ragazzo, dove i famiiari fanno parlare Aldo in prima persona:

Ciao io sono Aldo Naro! 
Piacere di conoscervi, 
Sono un Medico Chirurgo laureato con 110 e lode e abilitato alla professione. Nel giorno del mio ventottesimo compleanno volevo raccontarvi un po’ la storia della mia vita, della mia breve vita.. si perché 2 anni e 6 mesi fa andai a ballare con amici, la mia ragazza e colleghi di università.. quasi a fine serata 15 persone mi hanno aggredito, pestato a morte, sotto gli occhi di tutti. 
Nessuno fece niente. Dentro di me, quando queste persone mi calciavano, mi davano pugni, mi spezzavano le ossa e il naso io pensavo “perché nessuno fa niente?? L’unione fa la forza, aiutatemi!” Ma tutti rimasero fermi .Si spingevano tra di loro per vedere quello che mi stavano facendo.. “Pensavo, chiamate i carabinieri, chiamate la mia famiglia”
Ma nessuno chiamò.
Nessuno avvisò la mi famiglia di ciò che stava succedendo..
nessuno venne con me lungo la corsa in ospedale.Nessuno sa dove io sia morto. Nessuno disse la verità. Addirittura sentii un mio amico dire in caserma , quando io ormai ero volato in cielo : “no ma può essere che Aldo è caduto ed è inciampato sul suo piede” 
L’ennesima mancanza di rispetto.. si perché questo silenzio, il dire che tutti hanno fatto il possibile per aiutarmi è una bugia. Nessuno ha fatto niente . Se non dire bugie su bugie.Perché nessuno ha il coraggio di dire “ho avuto paura, perché erano in 15 e pensavo che potessero uccidere anche me”. E più facile dire una bugia. in questo giorno chiedo a tutti voi di recarvi in chiesa, o anche semplicemente di dire una preghiera per me è tutti quelli come me che sono morti sotto gli occhi di tutti, e che sperano un giorno di avere giustizia, di sapere la vera verità! Vi ringrazio infinitamente anche per la sola lettura”