Home News dal mondo Il genadarme eroe si è spostato in punto di morte

Il genadarme eroe si è spostato in punto di morte

CONDIVIDI

Beltrame
Il tenente-colonnello Arnaud Beltrame, morto dopo essersi volontariamente offerto in ostaggio al terrorista Radouane Lakdim in cambio della libertà per una donna, è stato unito in matrimonio religioso con la sua compagna la scorsa notte, poco prima di morire.

Padre Jean-Baptiste, un sacerdote che conosceva bene Arnaud e la compagna Marielle, è arrivato di corsa nella hall dell’ospedale di Carcassonne, quando ormai l’ufficiale dei gendarmi era moribondo. Il religioso ha chiesto di vedere Arnaud, che da alcune settimane, insieme con Marielle, con la quale erano già sposati civilmente, avevano dedicato «una trentina di ore» alla preparazione del matrimonio cattolico. La data delle nozze religiose era stata fissata per inizio giugno. «Prego – ha detto padre Jean-Baptiste dopo un’ora in sala rianimazione al capezzale dell’ufficiale con la sua compagna – per queste nozze. Gli ho impartito il sacramento del matrimonio e quello dell’estrema unzione».

“Ho potuto recarmi all’ospedale di Carcassonne ieri sera verso le 21. I gendarmi e i medici, con gli infermieri, mi hanno fatto strada con una delicatezza notevole. Era vivo ma incosciente. Ho potuto amministrargli l’unzione degli infermi e la benedizione apostolica in articulo mortis. Marielle rispondeva alle invocazioni liturgiche”-  ha scritto il prete in una lettera, per poi continuare: “Non ho potuto sposarli (come qualche articolista ha maldestramente scritto) perché era incosciente. Arnaud non avrà mai figli secondo la carne. Ma il suo eroismo avvincente susciterà numerosi imitatori – io lo credo! – pronti al dono di sé per la Francia e per la sua gioia cristiana”.