Home News dal mondo Festa di addio al nubilato per 8 ragazze. Muoiono tutte, poche ore...

Festa di addio al nubilato per 8 ragazze. Muoiono tutte, poche ore dopo

CONDIVIDI
(Websource/Instagram)

 

Una foto per celebrare l’addio al nubilato di Mina Basaran, 28 anni, figlia di un miliardario turco. Lei aveva fissato le sue nozze per la fine del mese. L’immagine scattata sabato in un hotel extralusso di Dubai, la ritrae con le sette amiche che con lei erano volate negli Emirati per quella festa prima del matrionio. Poche ore dopo che quell’immagine era stata pubblicata su Instagram, l’aereo privato che le riportava a casa  si è schiantato sul crinale di una montagna in Iran. Tutte le 8 ragazze di quella foto sono morte insieme ai tre membri dell’equipaggio.

L’aereo provato, un Bombardier Challenger 604, era partito da Sharjah, negli Emirati Arabi Uniti, e stava rientrando a Istanbul è scomparso dal radar improvvisamente. Poco dopo è arrivata la notizia che il jet si era schiantato su una montagna nella provincia sudovest di Chahar Mahal-Bakhtiari, a circa 400 km da Teheran, una zona abbastanza isolata sul monte Helen, nella catena dei monti Zadros. La possibilità di trovare dei superstiti sono apparse fin dal principo nulle. I soccorsi, dopo enormi difficoltà per il terreno ed il maltempo, ha trovato undici corpi tra i rottami del jet. L’aereo era bruciato e per identificare le vittime servirà probabilmente l’esame del Dna.

Mina Basaran era la figlia prediletta di Huseyn Basaran, finanziere e imprenditore noto in Turchia, proprietario e amministratore delegato della Holding Company che porta il suo nome, con sede a Istanbul e operante in diversi settori, da quello dell’energia a quello delle costruzioni e a quello alberghiero. Per comprendere il suo legame con la figlia, che aveva inserito anche nei consigli di amministrazione. Uno degli ultimi progeti del padre prevedeva la realizzazione di appartamenti raccolti in residenze lussuose sul lato asiatico di Istanbul. Questo progetto era stato chiamato “Mina Towers”. E basta questo per spiegare il legame con la figlia.

(Websource/archivio)