Home Casi L’amica di Antonietta: “Non voglio essere io a dirle della morte delle...

L’amica di Antonietta: “Non voglio essere io a dirle della morte delle bambine”

CONDIVIDI

amicaE’ trascorsa una settimana, sembra un minuto fa. Michela Cerratto, l’amica del cuore di Antonietta Gargiulo, la donna ferita da Luigi Capasso morto suicida dopo aver ucciso le figlie di 7 e 13 anni a Cisterna di Latina, è ancora scossa dalla telefonata avuta con il marito il giorno della tragedia. Un ricordo purtroppo indelebile, che resterà a vita.

Nel corso di quel colloquio ha tentato di farlo ragionare, ma era impossibile lo si è capito poco dopo.  Capasso odiava la donna: riteneva fosse stata lei a influenzare la moglie nella scelta di allontanarsi dal marito. Durante la chiamata ha anche aggredito verbalmente Michela: «È colpa tua che hai messo in testa a mia moglie la separazione». Queste sono state le ultime parole che le avrebbe detto. Michela Cerrato ha parlato a Mattino 5: «Ho chiamato Antonietta, mi ha risposto lui e mi ha detto che aveva ammazzato le bambine, io però non ci ho creduto, pensavo che me lo avesse detto per ferirmi». Antonietta ancora non sa cosa sia successo alle sue bambine. Qui l’amica si tira indietro, capendo la drammaticità del momento: «Io non sono in grado di dirglielo, toccherà ai medici farlo, potrò solo starle vicino ma non è una notizia che posso darle io».