Home Cronaca Il giudice: “La mafia nigeriana usa riti atroci”

Il giudice: “La mafia nigeriana usa riti atroci”

CONDIVIDI
(Websource/archivio)

Come vi abbiamo spiegato ieri in Italia c’è un’espansione enorme della mafia nigeriana, un tipo di mafia potentissimo che usa metodi brutali ben peggiori di quelli usati dalla mafia italiana e che è riuscita a guadagnare sempre più territorio e potere nel nostro Paese. La Procura di Palermo ha arrestato 17 persone coinvolte in diversi atti criminali mafiosi, ma quel che si cerca di capire ora è se questa mafia nigeriana abbia qualcosa a che fare con l’omicidio di Pamela Mastropietro.

Ne ha parlato a Porta a Porta anche  l’ex procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti: “Io non so se la mafia nigeriana si estranea questo delitto, non potrei escluderlo, quello che so è che la mafia nigeriana è una delle mafie transnazionali più pericolose, più aggressive, più pervasive del mondo, che ha presenze e radicamenti non solo il nostro Paese ma in moltissimi paesi europei ed extraeuropei, perfino negli Stati Uniti, Russia e Brasile. Si tratta di una mafia velocissima, che come è stato anche affermato qui in Italia con sentenze definitive, adotta il metodo mafioso tipico, che le è proprio e che si rafforza anche attraverso riti sacrificali che loro chiamano Secret cults, culti segreti, che sono appunto la componente del metodo mafioso nigeriano. I rituali sono quelli che si rifanno alla ritualità voodoo e che passano attraverso il riti magici e anche che possono comportare, come a volte accaduto, lesioni o addirittura omicidio in danno delle vittime”. 

Sullo stesso tema era intervenuto ieri lo psicoterapeuta Meluzzi: “Credo che si sia trattato di un evento che purtroppo si collega a prassi che nella mafia nigeriana sono tutt’altro che rare, come ad esempio il cannibalismo rituale. Il fatto che manchino organi ha come ipotesi probabile che possano essere stati mangiati perchè mangiare organi della vittima è uno strumento per il mafioso nigeriano per acquisire forza, potere, coraggio, secondo delle pratiche rituali cannibaliche che fanno parte di sette come Black Axe”.

F.B.