Home Cronaca Pamela Mastropietro, la mamma: “Mia figlia? Una morte evitabile”

Pamela Mastropietro, la mamma: “Mia figlia? Una morte evitabile”

CONDIVIDI
pamela mastropietro
(foto dal web)

Continua a tenere banco la vicenda dell’omicidio della 18enne Pamela Mastropietro. Per il delitto è stato fermato Innocent Oseghale, un 29enne nigeriano, che deve ora rispondere di occultamento e vilipendio di cadavere, ma al momento non di omicidio volontario. La giovane era stata uccisa e fatta a pezzi dopo essere fuggita da una comunità di recupero nel maceratese. Mercoledì il tragico epilogo, con il ritrovamento del corpo e il fermo del nigeriano.

Nelle scorse ore, era emerso un nuovo protagonista di questa vicenda. Si tratta di un 50enne residente a Mogliano, in provincia di Macerata, il quale avrebbe avuto un rapporto sessuale con Pamela Mastropietro consumato in un garage. Quindi ha pagato la giovane con 50 euro che lei avrebbe poi utilizzato per acquistare dell’eroina. Si tratta di ipotesi investigative, intanto Alessandra Verni, la mamma di Pamela, intervistata da ‘Chi l’ha visto’ usa toni molto duri: “Se me la tenevo a casa era meglio”, dice.

L’accusa, in qualche modo, è diretta alla comunità di recupero che non avrebbe protetto Pamela, poi la mamma della ragazza spiega: “Lei mi dà la forza… era una leonessa, molto solare e aiutava gli altri. Si è fidata troppo, pensava di salvare il ragazzo tossicodipendente con cui stava, invece ci è finita dentro anche lei”. Non ci sta nemmeno a far passare la figlia per una ragazza la cui vita era distrutta dalla droga, anzi spiega chi era sua figlia: “Era convinta, voleva studiare e fare la criminologa… Dovevano lavorare meglio le strutture, dovevano esserci persone competenti. Era una morte che si poteva evitare”.