Home Cronaca Caserta, trovato uomo morto e decapitato sui binari. Omicidio o suicidio?

Caserta, trovato uomo morto e decapitato sui binari. Omicidio o suicidio?

CONDIVIDI
(Websource/facebook)

Caserta. Pasquale De Biasio, 42enne di Calvi Risorta, è stato trovato morto sulle rotaie della ferrovia, a poca distanza dallo scalo di Sparanise. La macabra e terribile scoperta, è stata fatta ieri mattina sulla tratta Roma-Napoli, tra la stazione proprio di Sparanise e quella di Pignataro Maggiore, in provincia di Caserta. A ravvisare la salma giacente a terra, è stato il macchinista di un treno proveniente da Cassino e diretto a Caserta, dopo aver oltrapassato la stazione sparanisana, ha notato qualcosa di insolito sui binari, ha fermato il convoglio e ha trovato il cadavere dell’uomo oltretutto decapitato. Un vero e proprio giallo che apre a molteplici scenari. Accorsa immediatamente sul posto, la squadra mobile di Caserta ha effettuato i primi accertamenti sul cadavere senza testa. La dinamica dell’incidente non è assolutamente chiara e gli investigatori stanno prendendo in considerazione due le ipotesi: il suicidio e l’omicidio. Dalle informazioni acquisite, l’impatto con un treno in corsa è assolutamente da scartare, in quanto la lacerazione tra corpo e testa sarebbe troppo netta per essere la conseguenza del passaggio di un treno.

A destare perplessità sono poi alcuni elementi rilevati sul luogo della tragedia. Poca quantità di sangue rinvenuto, decisamente scarse a seguito di uno scontro di tale gravità. un altro indizio poi, provoca ulteriori dubbi sulla natura del decesso: le condizioni atmosferiche. Infatti gli esperti, credono che l’orario della morte sia da riferire a poche ore prima del ritrovamento, forse nelle prime ore del mattino, quando ha inizio il normale traffico ferroviario regionale. E il primo treno della giornata di venerdì ha fatto scalo a Sparanise intorno alle 5 del mattino, come sempre.

Tutta la zona ieri è stata bagnata pioggia, dalla mattina, mentre al momento del ritrovamento il corpo era asciutto. Stranezze, circostanze decisamente anomale, che fanno suscitare nuove incertezze tra gli inquirenti. Inoltre, l’auto della vittima, è stata ritrovata nelle vicinanze del luogo del decesso, parcheggiata in una strada provinciale adiacente ai binari. Una drammatica fatalità o una esecuzione vera e propria? Sul corpo di Pasquale De Biasio, operaio residente nella frazione di Calvi Risorta Visciano, è stato intanto disposto l’esame autoptico dal magistrato di turno della Procura di Santa Maria Capua Vetere. La notizia, ha portato tanto sconforto e amarezza in paese, soprattutto tra chi lo conosceva: “Una persona tranquilla, non parlava molto ed era abbastanza riservato”. Al vaglio anche i suoi oggetti personali e i suoi profili social. Da controlli emersi sul web, risulta che la sua ultima pubblicazione su Facebook è delle 18.14 di giovedì, soltanto poche ore prima la sua orrenda e misteriosa morte, con un video di un concerto di Steve Vai, chitarrista heavy metal, il suo genere musicale preferito. Si attendono aggiornamenti sul caso.

GVR