Home News dal mondo Uccise la sorellina a coltellate. La madre: “Lo perdono ma mi fa...

Uccise la sorellina a coltellate. La madre: “Lo perdono ma mi fa paura”

CONDIVIDI

charity

Ha perdonato suo figlio, ma ha ancora paura di lui. Charity Lee è la madre di Paris, il ragazzo che il 5 febbraio del 2007 – quando aveva 13 anni – uccise con 17 coltellate la sorellina Elle, di appena 4 anni. Non contento, con la stessa arma da taglio tentò di ferire a morte anche un’altra sorellastra che stava dormendo. Dopo di che chiamò il numero di emergenza 911 e confessò il delitto alla Polizia. Il movente è emerso nelle settimane successive, dopo lunghi colloqui con gli inquirenti: Paris voleva vendicarsi contro sua madre e “distruggerla”. Nonostante la gravità dei fatti, quest’ultima non ha mai smesso di fargli visita nel penitenziario del Texas (Usa) in cui è recluso.

A far scatenare la follia del ragazzo, dieci anni fa, è stata la scoperta che la madre Charity in passato aveva avuto gravi problemi di droga dai quali era riuscita a liberarsi faticosamente. Charity aveva assunto per anni eroina e cocaina, la cosa era noto a tutti gli abitanti del suo quartiere e suscitava in Paris un senso di profonda vergogna. Oggi l’omicida ha 23 anni e deve scontare una condanna a 40 anni di carcere. Sua madre, che nel frattempo ha avuto un altro figlio, ha voluto mantenere un canale aperto con lui, per quanto sia difficile e doloroso: “Ho perdonato Paris per quello che ha fatto – confessa – , anche se non posso dire di avere un buon rapporto con lui. Se fosse a piede libero molto probabilmente ne avrei una gran paura. So bene che ha un lato oscuro dentro di lui, ma penso che una madre non debba mai abbandonare i propri figli, qualunque cosa succeda”.

(Websource / archivio)

EDS