Home News dal mondo Bambini morti in incendio, anche una quarta sorellina non ce l’ha fatta

Bambini morti in incendio, anche una quarta sorellina non ce l’ha fatta

CONDIVIDI

bambini morti

Due giorni fa c’era stata la scoperta di tre bambini morti in seguito ad un devastante incendio avvenuto a Salford, un sobborgo di Manchester. Si trattava di alcuni dei sei figli di una donna ricoverata a sua volta in gravissime condizioni in ospedale ed è ancora ignara di tutto. Adesso è giunta la triste notizia che anche un quarto figlio della poveretta è deceduto, assieme ai fratellini Demi (14), Brandon (8) e Lacie (7). Si tratta della piccola Lia Pearson, di appena 3 anni. Nelle prime ore di lunedì era stata tratta in salvo dalla casa in fiamme, ma dopo due giorni in cui ha lottato per sopravvivere, alla fine non ce l’ha fatta. Un altro figlio ed un suo amico, entrambi 16enni, erano invece riusciti a scappare via da quell’inferno. Per questa vicenda sono già stati arrestati due giovani: il 23enne Zac Bolland, e la 20enne Courtney Brierly, entrambi accusati di triplice omicidio, tentato omicidio ai danni di altre quattro persone ed incendio doloso.

Bambini morti, presi i due responsabili: sono due fidanzati

Entrambi erano stati tratti in manette a poche centinaia di metri dal luogo dell’incendio dove sono stati ritrovati anche i bambini morti. Una residente del posto ha ritratto con il proprio smartphone il momento dell’arresto. Qualcuno aveva anche rivolto delle minacce a Bolland, consapevole del fatto che il suo gesto scellerato aveva portato alla morte dei bimbi. I due per ora presunti responsabili, contro i quali però ci sono evidenti indizi di colpevolezza, compariranno nei prossimi giorni in tribunale. Intanto la polizia ha rivelato che la famiglia Pearson aveva già subito degli attacchi in precedenza, come appreso anche grazie alle testimonianze di alcuni abitanti del posto. Le autorità di Salford ed anche i vertici della scuola frequentata da alcuni dei bambini morti hanno parlato comprensibilmente di una immane tragedia e hanno ricordato le piccole vittime, sostenendo però che questo dramma non piegherà lo spirito della comunità locale.

S.L.