Home Politica Raggi sgombera sede storica della Destra. Meloni: il peggior sindaco della storia

Raggi sgombera sede storica della Destra. Meloni: il peggior sindaco della storia

CONDIVIDI
La sindaca di Roma Virginia Raggi durante la conferenza stampa di presentazione del progetto ”Memoria Genera Futuro” nella Sala della Piccola Protomoteca del Campidoglio, Roma, 20 gennaio 2017. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Nella pomeriggio di martedì appena trascorso il Sindaco di Roma Virginia Raggi ha apposto la firma per permettere lo sgombero di una delle storiche sedi romane da sempre appartenuta alla destra radicale, prima al Movimento Sociale Italiano e poi, ora, al partito Fratelli d’Italia guidato da Giorgia Meloni. Stiamo parlando della sede di Colle Oppio nella città eterna. E’ stata la stessa Raggi ha commentare l’accaduto durante un diretta Facebook con i cittadini della Capitale. Ecco le sue parole:

“A breve dovrebbe arrivare una delibera in Assemblea Capitolina per il riordino anche delle occupazioni degli immobili del patrimonio. Proprio questa mattina è stata sgomberata a via delle terme di Traiano una sede di Fratelli d’Italia e Alleanza Nazionale. Abbiamo riscontrato una soluzione di morosità prolungata nel tempo, questi partiti si trovavano all’interno della sede comunale, mi viene un po’ da ridere ma il contratto era scaduto nel 1972. Da quella data occupavano una sede del Comune e non pagavano anche i canoni. Io credo che un’azione di ripristino della legalità passi anche da un’azione particolarmente energica nei confronti di tutti quei soggetti, in questo caso partiti, che tra l’altro prendono rimborsi elettorali assai cospicui, che per anni hanno approfittato di un’amministrazione particolarmente disattenta”.

A stretto giro di posta è arrivata la dura replica di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia: “Virginia Raggi, l’incompetente sindaco di Roma, ha sfrattato la storica sezione della destra romana di Colle Oppio. Una sezione aperta nel 1946 dagli esuli di Istria e Dalmazia fuggiti alla furia della pulizia etnica dei partigiani comunisti jugoslavi e che da allora è stata ininterrottamente un punto di riferimento per tutti i patrioti d’Italia. Con la mistificazione tipica della faziosità comunista, il peggior sindaco della storia della Capitale, fa riferimento a una inesistente morosità sui locali, fingendo di non sapere che da anni la pratica di formalizzazione del rapporto di locazione è ferma presso gli uffici comunali. Chi, a differenza di Virginia Raggi, conosce Roma e il parco del Colle Oppio, sa bene che quei locali sono dei semplici ruderi, senza alcuna possibilità di utilizzo a uso commerciale o abitativo e che la presenza della sezione è l’unico argine a un desolante degrado fatto di sporcizia, violenza e criminalità che affligge tutta la zona”.