Dopo la crociata sulle mascherine e la denuncia contro i vicini Gassmann pensa alle tasse

0
242
Fonti ed evidenze: AdnKronos, Today

Alessandro Gassmann nuovamente al centro di polemiche social: questa volta a scatenare la discussione è la sua presa di posizione in favore della patrimoniale.

Quello della patrimoniale è uno dei temi capaci di infiammare maggiormente il dibattito pubblico italiano; la proposta di introdurre una tassa su beni mobili e immobili che punti a raccogliere risorse dalla fascia più ricca della popolazione – presentata da Sinistra Italiana con il nome di “Next Generation Tax” – ha scatenato grandi polemiche, come già successo più volte in passato, a fronte di proposte di questo genere.

In questa occasione, però, la polemica sembra destinata a travalicare i confini della politica: a innescare il dibattito è stato un tweet dell’attore Alessandro Gassmann – non nuovo a prese di posizione di carattere politico e sociale – che nei giorni scorsi ha detto la sua sulla questione, dimostrando apprezzamento per l’idea di tassare i redditi più consistenti: “In momenti difficili, chi ha molto, può, e secondo me dovrebbe, dare a chi è in maggiore difficoltà” ha twittato l’attore. “Nel nostro Paese, chi da anni è in maggiore difficoltà, sono i giovani“, ha poi aggiunto Gassmann, ottenendo non poco apprezzamento nell’arena social: “Dovrebbe essere scontato che chi è stato bravo e fortunato e ha molto dia qualcosa per aiutare chi è in difficoltà. Temo che, purtroppo, non sia così e la gente guardi quasi esclusivamente a se stessa“, commenta un utente.

http://

D’altra parte, non sono mancate invece le voci fortemente critiche verso l’affermazione di Gassmann: “Devono dargli lavoro e dignità non soldi e pantofole“, scrive un commentatore. “L’ideale non sarebbe dare ai giovani lavoro invece di soldi?“, chiede polemicamente un altro. “I giovani hanno bisogno di lavoro (equo e non sfruttamento) e null’altro. Se dai loro la possibilità di lavorare potranno costruire la loro vita“, si legge tra i commenti. D’altra parte l’idea di redistribuire, in minima parte, le risorse a disposizione in una fase caratterizzata dalla crisi economica derivante dalla pandemia e dal terrificante aumento dell’incidenza della povertà nel nostro Paese, rappresenta un tema che merita di essere osservato con attenzione. E se la patrimoniale – argomento a tutti gli effetti fortemente divisivo – rischia di rendere incandescente il dibattito politico, è bene valutare alternative ed ipotesi che permettano al più presto di superare un momento storico complesso come quello attuale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui