Salerno, uomo s’impicca al cavalcavia. Ma non è morto solo lui

Una nuova tragedia si consuma in quel di Salerno: un uomo di sessant’anni è stato trovato impiccato su un cavalcavia vicino a San Mango Piemonte. La notizia ancor peggiore è che non è l’unico cadavere ritrovato.

salerno uomo si impicca al cavalcavia
Cavalcavia (Canva)

Salerno si è svegliata sotto una luce rossa: un uomo di sessant’anni ha prima ucciso la moglie con un coltello da cucina e seguentemente si è impiccato su un cavalcavia presso San Mango Piemonte. La donna è stata portata al primo ospedale più vicino ma è giunta priva di sensi e dopo pochi minuti il suo cuore ha cessato di battere.

Sono già iniziate le indagini per capire moventi e fatti avvenuti: l’incarico è stato concesso ai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Salerno, agli ordini del comandante Antonio Corvino. Per consentire il regolare svolgimento delle indagini è stato chiuso il tratto tra gli svincoli di San Mango Piemonte e Pontecagnano Nord della A2, ovvero l’autostrada del Mediterraneo.

Salerno, uomo s’impicca al cavalcavia. Ma non è morto solo lui

salerno marito moglie impiccato
Autostrada del Mediterraneo (Canva)

Per quanto riguarda la viabilità, per i veicoli in direzione Sud si dovrà percorrere una strada secondaria per poi rientrare in autostrada all’altezza di Pontecagnano Nord. Per i mezzi pesanti in direzione Sud è prevista l’uscita obbligatoria a San Mango Piemonte e percorso alternativo sulla tangenziale di Salerno, come riporta il Messaggero. 

Leggi anche: Un cavallo incustodito attraversa la strada: per Riccardo, 35 anni, è la fine

Il fenomeno dell’omicidio-suicidio è in rapido aumento negli ultimi tempi: solo qualche giorno fa infatti se ne è verificato un altro presso Milano. Un uomo anziano di circa 80 anni ha ucciso la moglie poiché le cure per la sua malattia non stavano andando come si sperava. “Dopo aver dato sollievo alla moglie” (questo è ciò che pensava), ha posto la parola fine anche sulla sua vita.

Leggi anche: Muore a 19 anni, era il primo giorno di lavoro. “Gli avevo chiesto di restare a casa” dice il padre

Ancora, un altro caso di cronaca nel bellunese dove un uomo, dopo aver ucciso la madre, si sarebbe tagliato la gola con la medesima arma del delitto. I numeri, le vicende ed i dati ci stanno portando verso una direzione ben delineata: bisogna agire al più presto prima che tali cifre si incrementino ancor di più.