Cani: ha mangiato del cioccolato? Agisci subito così

0
24

Il cioccolato è forse l’alimento più pericoloso per i nostri piccoli amici a quattro zampe. Ecco come agire nel caso in cui venga ingerito.

Cioccolato, pericolosissimo per i cani
Cioccolato, pericolosissimo per i cani (Socialdogcat)

E’ risaputo ormai che il cioccolato sia decisamente un veleno per i cani e per tutti i nostri amici a quattro zampe. Mentre per l’uomo, se consumato in quantità moderate, può diventare perfino benefico – per i cani può essere addirittura letale. La pericolosità di tale alimento, dipende ovviamente dalla quantità consumata dall’animale, ma anche la concentrazione di cacao presente all’interno della tavoletta oppure del dolce in questione. Le sostanze pericolose per i cani sono la caffeina e la teobromina, i quali – essendo degli eccitanti – provocano inevitabilmente un’accelerazione spropositata del battito cardiaco e una stimolazione eccessiva del sistema nervoso.

I sintomi di tale assunzione sono abbastanza chiari: il cane comincia ad essere irrequieto, trema, ha un battito cardiaco veloce ed anomalo, non riesce a controllare i bisogni corporei (minzione involontaria) e, nel peggiore dei casi, si possono presentare delle convulsioni. Gli effetti inoltre, non si presentano subito, ma possono verificarsi dalle 6 alle 12 ore dopo l’assunzione. Cosa fare quindi in questi casi? Scopriamolo insieme.

LEGGI ANCHE —> Polmoni: depurali da muco, smog e nicotina ecco il metodo perfetto

Ecco cosa fare se il nostro cane ingerisce del cioccolato

Per essere chiari, la dose da considerarsi altamente pericolosa nei cani, corrisponde all’incirca a 28g di cioccolato per ogni kg del peso del cane. Di conseguenza, più il cane sarà piccolo, più la dose minima fatale diminuirà (una barretta di 100g può uccidere un cane di piccola taglia). A fronte di questo, ecco cosa bisogna fare nel caso in cui il nostro cane ingerisca del cioccolato.

Ecco cosa fare nel caso in cui il cane ingerisca del cioccolato
Ecco cosa fare nel caso in cui il cane ingerisca del cioccolato

LEGGI ANCHE —> Piante grasse in casa: ecco come sistemarle

Prima di tutto, la prima mossa da fare consiste nel chiamare il veterinario, per capire se il cane necessiti di un ricovero immediato. Nei casi meno gravi, basterà monitorare il nostro piccolo amico, cercando di contrastare l’effetto delle sostanze per lui tossiche. Come? E’ utile per esempio fargli assumere un sedativo o tranquillante, atto a rallentare il battito cardiaco oppure si può procedere con del carbone attivo per assorbire le tossine. In ogni caso, sarà comunque necessario seguire le indicazioni del veterinario. Insomma, una piccola svista oppure una semplice mancanza di attenzione possono rivelarsi fatali per i nostri migliori amici. Raccomandiamo quindi tutti i padroni a nascondere accuratamente gli alimenti che possono risultare tossici per gli animali domestici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui