Daniele Zanrei e Sonia Tosi, fidanzati, sono stati uccisi in strada da un 20 enne fuori controllo

0
148
Fonti ed evidenze: Ansa

Daniele Zanrei e Sonia Tosi, fidanzati, muoiono insieme nel Piacentino. Tutto è accaduto in un attimo. Inutili i soccorsi.

Daniele e Sonia
Daniele Zanrei e Sonia Tosi (facebook)

Ennesimo inciente mortale che coinvolge due giovani ragazzi, dopo le storie di Petra Lucca e Enrica Franchini, la tragedia questa volta in provincia di Piacenza riguarda due giova i fidanzati Daniele Zanrei e Sonia Tosi, rispettivamente di 30 e 27 anni, investiti da una Volkswagen a Zena di Carpaneto nei pressi di Piacenza, mentre erano in sella alla loro vespa. Il conducente, un 23enne del piacentino, li ha tamponati causando lo sbandamento del mezzo e poi li ha investiti; il suo tasso alcolemico era di 6 volte superiore al limite consentito dalla legge (3,1 grammi per litro) e ora potrebbe essere punito, secondo il codice penale, con una sentenza che va dai 2 ai 7 anni di reclusione per omicidio stradale. Per ora il ragazzo è stato arrestato e si trova ai domiciliari in attesa del processo.

I tre si trovavano lungo la strada provinciale 29 in direzione Zena quando il ragazzo ubriaco a bordo dell’automobile ha tamponato in velocità i due giovani in Vespa facendo volare via il motorino. Il mezzo si è schiantato contro il guard rail qualche decina di metri più avanti mentre Daniele e Sonia hanno impattato prima contro il parabrezza della Golf e poi sull’asfalto. Tempestivi i soccorsi del 118 nonostante questo non c’è stato nulla da fare per i giovani fidanzati morti sul colpo. Daniele Zanrei 30enne di Valconasso (Pontenure) si occupava di interior design nel mondo delle auto di lusso, Maserati e Alfa Romeo e coltivava la passione per i motori anche fuori dall’ufficio; la sua ragazza, Sonia Tosi, aveva invece 27 anni e dopo la scuola d’arte era diventata segretaria di uno studio odontoiatrico in provincia di Piacenza. Numerosissimi i messaggi di cordoglio per i due ragazzi sul web da parte di amici e colleghi e in memoria di Daniele alcuni membri dello IED – la scuola di design dove Daniele aveva tenuto dei corsi come insegnante – hanno addirittura organizzato un crowfounding sul web – che ha raggiunto quota 12 mila euro in un solo giorno – con l’intenzione di creare una borsa di studio per i ragazzi che come lui coltivavano un sogno “Daniele avrebbe voluto così” scrivono gi organizzatori della raccolta fondi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui