Belluno, muore una bambina di 10 anni: la donna che l’ha uccisa va al funerale

0
1039
Fonti ed evidenze: Messaggero, Fanpage

Tragedia a Belluno: una bimba di soli 10 anni ha perso la vita. Ai funerali della piccola anche la donna responsabile della sua morte.

funerali petra lucca

Venerdì 30 luglio, intorno alle ore 14.30, nella chiesa parrocchiale la comunità di Soranzen – Belluno – si è stretta attorno al dolore della famiglia Lucca che ha dato l’ultimo addio alla piccola Petra. La bimba è morta a soli 10 anni, travolta da un’automobile mentre stava attraversando la strada per recuperare il suo cagnolino. La bara bianca è stata trasportata in chiesa da alcuni dirigenti della Winnerbike di Santa Giustina, gruppo sportivo con il quale Petra correva in bici. Una cerimonia toccante, terminata con la canzone “Musica leggerissima” che la bimba amava tanto. La bambina lascia la mamma Chiara “Doriana” Turrin, papà Carlo, il fratello Sebastiano e le sorelle Teresa ed Alessandra. Presenti le amiche di scuola e le compagne di squadra nel Winnerbike che l’hanno accompagnata al cimitero con mazzi di fiori e palloncini bianchi.

Tra le moltissime persone che hanno voluto dare l’ultimo saluto a Petra, anche la donna che solo una settimana prima l’aveva investita. Era seduta tra i primi banchi insieme alla sua famiglia La signora, infatti – una 67enne del posto – conosce bene i genitori della bambina, aveva anche fatto da baby sitter ai fratelli di Petra. Le cause del tragico investimento sono ancora da chiarire: la piccola pare fosse piombata strada, lungo la provinciale che da Cesiomaggiore porta alla frazione di Soranzen, per recuperare il suo cane. A travolgerla l’amica di famiglia, che per lei era come una nonna. Una tragedia che, per certi aspetti,ricorda quella della giovanissima Yara Gattavecchi uccisa per sbaglio dalla migliore amica  Come ha poi rivelato un testimone, la 67enne – che si è immediatamente fermata per prestare i primi soccorsi e poi si è sentita male tanto da dover essere rianimata e trasportata all’ospedale di Belluno – non avrebbe avuto il tempo per frenare in tempo la sua Fiat Idea. Le condizioni di Petra sono apparse gravissime fin da subito. Nonostante sia stata  rianimata sul posto e poi portata direttamente dall’elicottero del Suem alla clinica universitaria di Padova, non c’è stato nulla da fare per la piccola. A Padova, in terapia intensiva, si è tentato il possibile. Fino a quando, lunedì sera, il cuore della bimba ha smesso di battere

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui