I Pooh denunciano il mancato ricordo a Sanremo del batterista Stefano D’Orazio mancato lo scorso novembre: “Tre minuti si potevano trovare”. Poi le scuse di Amadeus.

Sanremo D'Orazio

I Pooh denunciano il comportamento inaccettabile dei conduttori di San Remo, Amadeus e Fiorello. A far perdere le staffe ai componenti della band è stato il mancato omaggio all’amico e batterista dei Pooh Stefano D’orazio. Era infatti previsto nella scaletta della finale un momento di cordoglio per salutare lo storico componente della band, malato da tempo e mancato il 6 novembre scorso in seguito all’aggravarsi delle sue condizioni anche per il sopraggiungere del Covid. I conduttori avrebbero dovuto dare un ultimo saluto al musicista e cantare «Uomini soli», brano con cui la band vinse Sanremo nel lontano 1990. Però l’omaggio atteso per le due del mattino non c’è stato forse per mancanza di tempo. La rabbia degli amici e compagni di musica e di vita è stata molta. Red Canzian ha voluto commentare l’accaduto descrivendolo come una cosa orrenda: “Sapevamo che doveva esserci questo omaggio e siamo rimasti molto male quando non l’abbiamo visto. Perché credo che Stefano D’Orazio meritasse quel ricordo. In cinque serate piene di qualsiasi cosa, tre minuti si potevano trovare”, ha raccontato alle agenzie.

LEGGI ANCHE > SANREMO 2021, ULTIMA SERATA: IL BACIO DI AMADEUS E GIOVANNA SUL PALCO DELL’ ARISTON

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roby Facchinetti (@robyfacchinetti)

Anche Roby Facchienetti ha denunciato l’accaduto con un lungo post Instagram. Facchinetti ha espresso tutta l’amarezza verso il Festival, per aver promesso e poi non rispettato gli impegni presi. Un comportamento inaccettabile verso un grande artista. Sarebbe bastato un solo minuto per ricordarlo e rendergli omaggio e invece Amadeus ha deciso di tagliare la scaletta eliminando proprio il pensiero all’amico scomparso. A smorzare la tensione sull’accaduto è arrivato Francesco Facchinetti che ha raccontato che Stefano D’Orazio non amava le polemiche e per questo lui non si scaglierà contro la direzione artistica del Festival di San Remo, nonostante il gesto non sia stato per niente appropriato.

LEGGI ANCHE > MARIA MONSÈ, SCATTO BOLLENTE CON LA FIGLIA 13ENNE: WEB INDIGNATO – FOTO

Per concludere la vicenda sono arrivate anche le scuse del conduttore e direttore artistico Amadeus. Il conduttore racconta che purtroppo non c’è stato il tempo per rispettare la scaletta e l’omaggio è stato cancellato. “Chiedo scusa io personalmente. Stefano D’Orazio era un amico personale, l’amore e l’affetto per lui sono fuori discussione.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui