Gerry Scotti, quasi in terapia intensiva: “Vicino a me 24 persone intubate”

0
14

Gerry Scotti racconta la sua esperienza nella lotta al Coronavirus. Il conduttore intervistato da Linus e Nicola Savino, durante il programma radiofonico Deejay Chiama Italia ha svelato i particolari della degenza all’Ospedale Humanitas di Milano dove è stato ricoverata per ben tredici giorni.

Gerry Scotti

Oggi Gerry Scotti sta bene e si è negativizzato, dall’ospedale è stato dimesso il 16 novembre ed è potuto finalmente tornare a casa. Il conduttore una volta resosi conto di essere positivo aveva la speranza di essere, come molti suoi colleghi, tra i fortunati con pochi sintomi o addirittura asintomatici, ma purtroppo non è stato così. Quando le sue condizioni non sono state più compatibili con la degenza a casa è stato ricoverato. La degenza è durata quasi due settimane e come racconta durante l’intervista era quasi in terapia intensiva, quasi perché a seguito del peggioramento delle sue condizioni di salute i medici hanno deciso di spostarlo dal reparto normale ad un reparto comunicante con la terapia intensiva, in modo da essere pronti ad un eventuale intubazione. Gerry racconta che vicino a lui vedeva 24 persone immobili, intubate, come nei film di fantascienza. “Pregavo per loro invece che pregare per me” ha dichiarato. Il presentatore ha indossato il casco “CPAP” l’ultima terapia prima della rianimazione, per due di giorni a ore alternate. Sono stati giorni di terrore per il conduttore, ma fortunatamente dopo 36 ore le condizioni del 64enne sono migliorate e ha potuto tornare nel reparto di degenza normale.

LEGGI ANCHE > CHRISTIAN DE SICA RIVELAZIONE SHOCK: “HO SCONFITTO IL CORONAVIRUS”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gerry Scotti (@gerryscotti)


Gerry poche ore dopo aver lascito l’ospedale ha voluto ringraziare i medici e gli infermieri che gli hanno prestato le migliori cure durante il ricovero. Il conduttore ha condiviso un messaggio social nel quale ricorda a tutti i professionisti che l’hanno curato che rimarranno sempre nel suo cuore e non li dimenticherà mai. Li ringrazia inoltre per la loro vicinanza e il loro affetto.  Sui suoi programmi futuri Gerry racconta che se le sue condizioni di salute continueranno ad essere buone vorrebbe partecipare alla finale di “Tu Si Que Vales” in cui è giudice insieme a Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Teo Mammucari. Ma i programmi ai quali il conduttore tiene di più riguardano la sua vita privata visto che diventerà presto nonno della bambina attesa dal figlio Edoardo e dalla moglie Ginevra. Gerry sta pianificando le vacanze di Natale con la famiglia e soprattutto con la nipotina che arrivo.

LEGGI ANCHE -> CORONAVIRUS, NINA ZILLI RACCONTA I SUOI SINTOMI: “NON È COME VI DICONO, STATE E CASA”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui