Home Politica Migranti, Salvini: “Sì allo sbarco della Gregoretti”. Ma si profila un caso...

Migranti, Salvini: “Sì allo sbarco della Gregoretti”. Ma si profila un caso Alan Kurdi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
CONDIVIDI

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha autorizzato allo sbarco alla nave della Guardia Costiera “Gregoretti” con a bordo 116 migranti

Immigrati Matteo Salvini autorizzati a sbarcare nave Guardia Costiera Gregoretti vietato imbarcazione Alan Kurdi indagine Legambiente denunciato reato sequestro di persona - Leggilo

Sembra ormai verso la risoluzione il caso della nave della Guardia Costiera “Gregoretti” con a bordo 116 migranti. L’imbarcazione rimasta ferma per giorni al pontile Nato del porto di Augusta., in provincia di Siracusa, per via del divieto allo sbarco imposto dal Viminale.

Ora il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha scelto di sbloccare la situazione comunicando il motivo della sua decisione nel corso di una diretta Facebook, Nelle ore precedenti alla decisione era intervenuto il procuratore di Siracusa, Fabio Scavone,dopo un’ispezione di medici e Carabinieri del Nas:

A bordo della Gregoretti abbiamo, nel complesso, 29 persone affette da patologie diverse, tra cui 25 casi di scabbia, uno di tubercolosi, più altri casi di cellulite infettiva. Alla luce di questa situazione“, ha dichiarato il procuratore “ho consigliato di far sbarcare queste persone, anche perché si potrebbe incorrere in altri reati”. L’ispezione era avvenuta dopo la denuncia per spazi ritenuti non consoni e un solo bagno per 116 persone, costretta a dormire in coperta e a restare in aree ristrette della nave.

Il vicepremier ha spiegato il motivo dello sbarco: “Lavoro fatto, missione compiuta – ha detto – Germania Portogallo Francia Lussemburgo e Irlanda, più alcune strutture dei vescovi, si faranno carico degli immigrati di questa nave.Darò autorizzazione allo sbarco perché abbiamo la certezza che questi immigrati non rimarranno a carico dei cittadini italiani che già hanno i loro problemi”.

Riferisce l’Ansa che, mentre la Procura di Siracusa ha aperto un fascicolo sulla vicenda, il leader della Lega ha annunciato di aver ricevuto una denuncia per sequestro di persona da parte di Legambiente, sempre per la questione della nave della Guardia Costiera “Gregoretti”. Un caso analogo, dunque,  a quello della nave Diciotti: “Mi ha denunciato per sequestro di persona – ha scritto in un post sulla propria pagina Facebook Salvini – rischio fino a 15 anni di carcere… Roba da matti, vi prometto che io non mollo”.

Cinque Paesi Europei e strutture dei Vescovi Italiani, ecco dove andranno i 116 immigrati a bordo della nave Gregoretti: lavoro fatto, missione compiuta!P.S. Per questa vicenda Legambiente (???) mi ha denunciato per SEQUESTRO DI PERSONA, rischio fino a 15 anni di carcere…Roba da matti, vi prometto che IO NON MOLLO.Viva l’Italia e gli Italiani.

Pubblicato da Matteo Salvini su Mercoledì 31 luglio 2019

Chiuso probabilmente la questione dell’imbarcazione della Guardia Costiera “Gregoretti”, sembra essere pronto ad aprirsi quello della nave Alan Kurdi, dell’ong Sea Eye con a bordo 40 migranti, tra cui “un neonato e due bimbi piccoli”, raccolti stamani da un gommone. Il portavoce dell’ong tedesca ha dichiarato: “Chiederemo alle autorità competenti di assegnarci un posto sicuro. Geograficamente, Lampedusa è il più vicino”.

Come riferito da Agi, Salvini non pare essere affatto intenzionato ad autorizzare lo sbarco: “Nei prossimi minuti firmerò il divieto di ingresso e di transito nelle acque italiani – ha annunciato nel corso della sua diretta Facebook – Sono una ong tedesca, sanno dove possono andare, non in Italia”. Per il numero uno del Viminale questa ong starebbe provando ad “attaccare nei fatti il governo italiano: spero che su questo ci sia compattezza”.

Nei prossimi minuti firmerò il divieto di ingresso e di transito nelle acque territoriali italiane per la nave Alan…

Pubblicato da Matteo Salvini su Mercoledì 31 luglio 2019

Fonte: Ansa, Salvini FB, Agi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]