Nicola Fratoianni, segretario di SI, è arrivato a Lampedusa insieme a Matteo Orfini e Graziano Delrio. Prima di imbarcarsi sull’aereo che l’ha portato nell’isoletta simbolo degli sbarchi, però, ha commentato le ultime dichiarazioni di Giorgia Meloni sulla Sea Watch 3. 

Nicola Fratoianni Sea Watch - Leggilo

 

La Sea Watch 3 è ferma a tre miglia da Lampedusa. Bloccata, in mare, dalla Guardia di finanza. Ha trascorso la quattordicesima notte in balia delle onde, e la decisione della comandante Carola Rackete di forzare il blocco navale e sfidare le limitazioni poste in essere dal Decreto sicurezza bis si è rivelata essere un nulla di fatto. Alla fine, lo sbarco non c’è stato e l’imbarcazione è rimasta bloccata, di nuovo, al punto di partenza. La situazione è ancora più critica tanto più se, dal Governo, né uno né l’altro sembrano disposti a cedere. Salvini non ha alcuna intenzione di autorizzare lo sbarco, e ha addirittura parlato di arresto della comandante nel caso in cui questa decida di opporre resistenza. Di Maio, dall’altro lato, non ha condiviso per nulla il gesto, di fatto illegale, della Rackete.

E in tutto questo clamore, giro di accuse, ma anche indecisione e seria criticità sugli sviluppi della situazione, Lampedusa è luogo di protesta. Sono ancora in strada gli attivisti di Lampedusa solidale, quelli guidati da Don Carmelo La Magra, e con loro c’è la gente del posto, schierati in sostegno dei migranti a bordo. Ma c’è anche il PD. Nicola Fratoianni, Graziano Delrio e Matteo Orfini sono infatti volati a Lampedusa per dare sostegno ai migranti ed assicurarsi che lo sbarco – atteso per le 20.30 di ieri sera – sarebbe avvenuto in condizioni di sicurezza. “Sono qui a Lampedusa e ho raggiunto i cittadini che da dieci giorni dormono ai piedi del sagrato della chiesa in forma di protesta contro le decisioni assurde dell’Italia e dell’Europa che tengono in ostaggio 42 persone sulla nave Sea Watch”, scrive su Facebook il segretario di Sinistra Italiana. “Storie, volti, caparbietà, umanità che nessun telegiornale mostra e che la politica non ascolta.
Sono qui anche per ringraziarli per la forza che dimostrano”, conclude nel post.

Sono qui a Lampedusa e ho raggiunto i cittadini che da dieci giorni dormono ai piedi del sagrato della chiesa in forma…

Pubblicato da Nicola Fratoianni su Mercoledì 26 giugno 2019

Ma Fratoianni, prima di partire, ha anche commentato le ultime dichiarazioni di Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia che ha commentato duramente la decisione della Rackete proponendo di affondare la nave, ovviamente senza migranti a bordo. “Sono a Palermo in attesa di imbarcarmi sul volo che questa sera mi porterà a Lampedusa. Sto andando lì ad accogliere Carola, una persona coraggiosa che ha tratto in salvo 42 persone e mentre stavo qua mi è capitato sotto gli occhi un video di Meloni registrato su qualche terrazza”, comincia. Poi la prende sull’ironia: “Faceva molto, molto caldo, quando sono partito da Roma. Forse è il caldo a spiegare il contenuto di questo video dove Giorgia Meloni si scaglia con una violenza inaudita contro persone inermi, contro chi organizza solidarietà e con la bava alla bocca, una bava violenta, cattiva, annuncia la necessità che la Sea Watch venga affondata. La Meloni sfiora il ridicolo, in questa competizione a destra. Ecco, forse è il caldo a spiegare questo delirio. E il delirio va curato”. Poi l’affondo: “Giorgia Meloni trovi qualcuno bravo che provi a mettere un freno a questa violenza. Di fronte alla dignità di chi sfida le leggi ingiuste per salvare la vita resta solo da esprimere solidarietà o restare in silenzio”.

Ho visto il video di Giorgia Meloni, girato da qualche tetto del Parlamento, comoda e sistemata….Le dico con molta onestà che il delirio va curato. Forse sarà colpa del caldo.

Pubblicato da Nicola Fratoianni su Mercoledì 26 giugno 2019

Fonte: Nicola Fratoianni Twitter

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui