Donna, 35 anni, autista. Un pensionato e sua nipote di 10 anni la salvano dallo stupro

0
1

A Vicenza un nigeriano di 31 anni, con status di clandestino, ha provato a violentare l’autista di un autobus, 35enne donna, mentre era in sosta prima di ripartire. L’uomo è stato fermato dagli agenti grazie all’intervento di un pensionato e di una bimba di 10 anni.

nigeriano tenta violenza - Leggilo

Se si parla di bus e di stranieri, quello che torna alla mente è il sequestro del bus a San Donato Milanese, con tanto di polemiche sullo Ius Soli, immigrazione e cittadinanza annesse. Un nuovo episodio arriva da Vicenza e a riportarlo è l’Ansa. Isaiah Ogboue, un uomo di nazionalità nigeriana, ha tentato di violentare l’autista di un autobus, una donna di 35 anni. Quest’ultima, dopo una breve sosta, si stava apprestando a ripartire ma l’uomo l’ha bloccata, mettendosi a cavalcioni su di lei e toccandola nelle parti intime. Le grida sono state sentita da un pensionato di 72 anni che, intervenuto, è riuscito ad evitare uno stupro e a mettere in fuga l’aggressore. Nella fuga, ha gettato a terra un’anziana di 78 anni. L’allarme è scattato grazie alla nipote di quest’ultima, una bambina di 10 anni che ha allertato le Forze dell’Ordine, chiamando il 113 con il cellulare di sua nonna. L’episodio si è verificato l’altro ieri mattina, in via Carso a Vicenza, ala fermata del tram. 

Dopo l’allarme, la Polizia si è messa sulle tracce dell’aggressore, bloccato con dello spray urticante. L’uomo, nigeriano di 31 anni, è finito in manette. Lo straniero, alcuni giorni fa, aveva già aggredito due agenti della Polfer, che l’avevano trovato su un treno senza biglietto. Le accuse nei suoi confronti sono di violenza sessuale aggravata, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale. Isaiah è entrato in Italia come richiedente asilo nel 2016, ottenendo il permesso provvisorio, ma la sua istanza era stata rigettata. Per questo, attualmente il suo status è di clandestino e ha già precedenti penali per reati contro il patrimonio e la persona.

Fonte: Ansa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui