Home Cronaca Rom scortati dalla Polizia a Casal Bruciato. E i Carabinieri arrestano i...

Rom scortati dalla Polizia a Casal Bruciato. E i Carabinieri arrestano i Casamonica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:54
CONDIVIDI

Nuovo blitz nei confronti del clan dei Casamonica. L’operazione dei Carabinieri ha portato alla luce un giro di droga dal valore di 100.000 euro, attiva nelle zone di Quadraro e Porta Furba, zone gestite dal clan. 

Clan dei Casamonica arresti - Leggilo

Virginia Raggi pensa a far visita alla famiglia Rom e a sedare i disordini scoppiati, nuovamente, a Casal Bruciato, dove i residenti della zona si sono opposti alla cessione di una casa popolare ad una famiglia di 14 nomadi. I cittadini denunciano sporcizia, disordini e delinquenza che impazzano nella Capitale, e l’azione della pentastellata non sembra, fino ad ora, aver dato buoni frutti. Tutt’altro. Roma cade a pezzi, e di certo la presenza dei Casamonica non è riconducibile a lei. Però, la lotta alla criminalità dovrebbe essere uno degli obiettivi del suo mandato, vista la situazione, e stessa cosa dovrebbe fare anche Luigi De Magistris, più a sud, nella sua cara Napoli dove Camorra è la parola all’ordine del giorno.

Intanto, un nuovo blitz dei Carabinieri ha portato all’arresto di 22 persone, di cui molte appartenenti al clan dei Casamonica, a Roma, Trapani, Foggia, Voghera, Paola, Nuoro e Tornimparte, come riportato dall’Ansa. Gli agenti della compagnia di Roma Casilina stanno eseguendo in queste ore un’ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma.

L’operazione ha portato alla luce l’esistenza di un’associazione finalizzata allo spaccio di stupefacenti, attiva nella zona di via del Quadraro e Porta Furba – siti dove agiscono i Casamonica – nella Capitale. Un giro d’affari dal valore di oltre 100.000 euro al mese. Fin dal mese di gennaio 2017, i Carabinieri hanno avviato un’indagine per smantellare l’associazione a delinquere, attività portata avanti da un gruppo criminale, a connotazione familiare. A quanto ricostruito, l’organizzazione, oltre ai capi riconducibili ai Casamonica, era costituita da italiani ai quali il clan aveva affidato ruoli e compiti ben precisi. 

Fonte: Ansa

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]