Home Opinioni Rita Dalla Chiesa: “Molestie e ricatti? Basta saper dire di no”

Rita Dalla Chiesa: “Molestie e ricatti? Basta saper dire di no”

CONDIVIDI

dalla chiesaMolestie e ricatti nel mondo dello spettacolo: non tutti la pensano come Asia Argento, anzi c’è chi sottolinea come a volte ci si presenti ai provini in abiti succinti. Lo ha denunciato dalle colonne del quotidiano ‘Libero’ la conduttrice tv Rita Dalla Chiesa: “Tanti uomini, ragazzi, hanno subito ricatti sessuali da tal regista, o da tal produttore, che vede un bel giovane e ci prova”, ha esordito.

Quindi ha aggiunto: “Ho sentito dire tanti ‘no’ e conservare la propria dignità. Conosco donne che stanno con uomini importanti per avere un lasciapassare”. Rita Dalla Chiesa porta l’esempio dell’ex marito Fabrizio Frizzi, da poco tornato in tv dopo il grave malore: “In tanti anni con Fabrizio Frizzi, sa quante ragazze che si proponevano? Che si presentavano ai provini con minigonne inguinali, che atteggiavano in un certo modo, anche davanti a me, la moglie?”.

Rita Dalla Chiesa ha anche ricordato: “In determinate circostanze basta dire di no. E bussare a un’altra porta. La mia posizione è impopolare. Ma della vicenda Weinstein e Brizzi penso che noi donne, anche a 20 anni, siamo ben strutturate. Diciamo tanto che siamo più mature degli uomini, a parità d’ età, e allora dimostriamolo. Mi metti le mani addosso? E io lo dico a tua moglie, o sporgo denuncia. Se davvero c’è un’aggressione, vado dai Carabinieri. Oppure faccio i conti con me stessa: non sarà che sono stata zitta per avere un tornaconto?”.

 

GM

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org