Home News dal mondo Chiama terrorizzata la polizia, l’operatore minimizza e lei muore

Chiama terrorizzata la polizia, l’operatore minimizza e lei muore

CONDIVIDI

sophie taylorLa notte del 22 agosto Sophie Taylor, ventiduenne di Cardiff, chiama il centralino della polizia per denunciare un ex fidanzato che, in quel momento, la stava seguendo a bordo di un’altra macchina guidata dalla nuova compagna. L’operatore del 999 le ha detto che finché non c’era una prova di reato non potevano intervenire ed ha cercato di tranquillizzarla. Ma il timore di Sophie era reale: quando, infatti, terrorizzata dall’auto che la seguiva ha cominciato a correre è stata speronata volontariamente e mandata contro un muro. L’incidente è stato violentissimo e la ragazza è morta fuori dalla sua auto perché l’ex fidanzato, Michael Wheeler, e la compagna, Melissa Pesticcio, l’hanno tirata fuori dall’abitacolo e nascosta dietro un angolo buio. Secondo quanto rivelato dai media britannici la rappresaglia contro la vittima era una precisa volontà di Melissa, sembra, infatti, che la relazione tra Michael e Sophie si fosse sviluppata mentre i due colpevoli erano già fidanzati.

In seguito al ritrovamento del cadavere non è stato difficile per la polizia risalire ai colpevoli. La telefonata di Sophie, infatti, ha indirizzato gli investigatori direttamente da Wheeler e le successive indagini hanno dimostrato che le ammaccature sull’auto della Pesticcio corrispondevano con quelle trovate sull’auto della vittima. La coppia di assassini è stata quindi arrestata ed condannata a 14 anni di reclusione per omicidio volontario. Durante il processo è stata individuata anche la responsabilità dell’operatore del call center: questo ha fallito nel reperire dettagli importanti dalla telefonata con Sophie nonostante questa sia durata ben 24 minuti ed è sembrato sprezzante.

Un portavoce della polizia di Cardiff nell’analizzare il giudizio sull’operatore ha specificato come il lavoro d’indagine abbia portato all’ascolto della chiamata che ha evidenziato la mancanza di professionalità dell’operatore, quindi ha aggiunto: “Il membro dello staff della polizia in questione ha dato le proprie dimissioni prima che fosse emessa una nota per cattiva condotta nei suoi confronti, il che vuol dire che non potranno essere aperti procedimenti disciplinari”.

F.S.