Samantha De Grenet racconta tutto: da brividi

Samantha De Grenet senza filtri, nell’intervista si mette a nudo e racconta la sua lotta contro il tumore.

Samantha Grenet
Samantha De Grenet (Facebook)

Samantha De Grenet è stata ospite a Verissimo la trasmissione condotta da Silva Toffanin, un’intervista toccante e profonda con una sorpresa finale l’arrivo in studio del figlio di Samantha De Grenet. Nel corso dell’intervista si è parlato di varie cose, era inevitabile far riferimento anche alla malattia che l’attrice ha dovuto affrontare.

Samantha De Grenet infatti ha combattuto contro un tumore che all’inizio ha tenuto nascosto anche ai suoi genitori per evitare di farli soffrire.

Samantha De Grenet si racconta, la lotta contro il tumore, la paura, la solitudine e la forza

Tumore intervista racconta
L’intervista

Si è raccontata Samantha De Grenet senza filtri parlando anche di come all’inizio abbia tenuto nascosta la malattia, anche ai suoi genitori per evitargli un dispiacere infatti secondo l’attrice per un genitore ritrovarsi con la propria figlia che confessa di essere malata è un duro colpo. Già due anni fa era stata colpita da un tumore al seno.

Potrebbe interessarti anche >>> Samantha De Grenet:”Il vuoto dentro”, ecco cosa è successo

La donna ci ha poi tenuto a sottolineare un tema che a volte viene trascurato ovvero quanto un tumore sia devastante dal punto di vista psicologico, il corpo cambia, il modo in cui affronti la vita diventa diverso e non ti guardi più allo stesso modo, a volte può capitare che il tuo corpo non ti piaccia e che tu non voglia accettarlo.

Potrebbe interessarti anche >>> Samantha De Grenet: La confessione dopo il Grande Fratello

Poi la confessione è continuata e Samantha De Grenet ha raccontato anche i momenti più difficili che hanno caratterizzato la sua malattia, come ad esempio il fatto di chiudersi in bagno a piangere, ha sofferto molto la donna soprattutto per le persone che aveva intorno, è stato un vero e proprio calvario. Attualmente la situazione è sotto controllo ed è monitorizzata, la donna dovrà fare ancora delle terapie che dureranno per altri due anni, la situazione sembra che stia migliorando e ad oggi ha imparato ad accettare il suo corpo e la persona che sta diventando, per lei essere riuscita a fare almeno questo è fondamentale.